Home
dollaro-nuova-zelanda.jpg

La RBNZ conferma i tassi ma annuncia un prossimo taglio. NZD in caduta libera

Scritto da -

L'istituto centrale neozelandese ha lasciato invariati i tassi d'interesse ai minimi dell'1,75%, ma ha spiazzato i mercati con un annuncio a sorpresa
Un chiaro messaggio dovish inviato dalla Reserve Bank of New Zealand (Rbnz) sta appesantendo la marcia del dollaro kiwi. Ieri l'istituto centrale neozelandese ha lasciato invariati i tassi d'interesse ai minimi dell'1,75% per il sedicesimo meeting consecutivo, dopo averli tagliati di 25 punti base nel novembre 2016.
Quel che più conta però, è che il prossimo intervento dovrebbe essere un nuovo taglio.

La mossa dovish della Reserve Bank of New Zealand


La banca di Wllington ha confermato l'intenzione di lasciare i tassi a questo livello minimo "per un periodo tale da contribuire a massimizzare l'occupazione sostenibile e mantenere un'inflazione bassa e stabile". La vera novità però è che senza giri di parole, la RBNZ ha indicato anche quale sarà la prossima mossa: "Date le prospettive economiche globali più deboli e il rallentamento della spesa interna, la direzione più probabile della nostra prossima mossa sul tasso di interesse è in calo".
Secondo la RBNZ il rischio di una recessione globale è aumentato. Inoltre si prevede un taglio dei tassi da parte della Fed quest'anno.

Circa la crescita, la banca di Wllington prevede di sostenerla tramite i tassi bassi e maggiori spese e investimenti governativi. L'inflazione dovrebbe salire a circa il punto centrale dell'intervallo target al 2%. Potrebbe aumentare anche più rapidamente se le imprese trasferiranno gli aumenti dei costi in misura maggiore sui prezzi.



I mercati affondano il dollaro kiwi


I mercati si aspettavano una certa cautela da parte dell'istituto neozelandese, ed anche uno sbilanciamento verso l'approccio da "colomba". Ma sono rimasti sorpresi da un segnale così forte.

La prima conseguenza è stato un deprezzamento fortissimo del dollaro neozelandese rispetto a quello americano. Il cross NZDUSD viaggia sui minimi di quasi tre settimane, dopo essere precipitato da 0,681 a 0,679. Occhio al pattern triangolo che si sta per completare (fonte grafica broker ).

img


Il kiwi è rimbalzato da un minimo di 2 anni e mezzo a 1,6292 contro l'euro (EURNZD), fino a 1,6550, e si è mantenuto stabile da allora in poi.
Si è inoltre indebolita a circa un minimo di 4 settimane a 1,0453 contro l'aussie (AUDNZD).

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
W 5 x 3 H 8
Trading strategies

Ultime notizie
criptovalute-2.jpg
NEO sarà protagonista nel lancio del protocollo DeFi Flamingo Finance, che introduce l'interoperabilità nelle reti blockchain
etf-2.jpg
Il basso livello del costo del denaro rappresenta un vantaggio per i settori ad alto rendimento come utilities e immobili
rublo-russia-3.jpg
Elvira Nabiullina ha detto che prenderà in considerazione la necessità di ulteriori tagli dei tassi nelle prossime riunioni

IN EVIDENZA
trading-broker.jpg
Cerchi i migliori siti di trading online autorizzati? Ecco un confronto tra le proposte dei broker per accedere ai mercati finanziari
segnali-forex-gratuiti-affidabili.jpg
Quali broker offrono segnali trading forex affidabili e gratuiti? Fino a che punto si può considerarli segnali sicuri e come utilizzarli
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Aggiornata a giugno 2020. Evitate le fregature: l'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market