dollaro-canadese-3.jpg

Dollaro canadese, il 2018 è un flop. La BoC intanto conferma i tassi

Scritto da -

Pesano sul loonie l'incertezza sul futuro dell'Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) e il protezionismo di Trump
Non è certo un 2018 brillante per il dollaro canadese. Anzi, finora nel paniere G10 è stata quella con le performance peggiori in assoluto, con le perdite più pronunciate contro lo Yen giapponese, la sterlina britannica, l'euro (EurCad +5,90% su trimestre) e il franco svizzero. Ma anche contro il dollaro le cose sono state negative: l'UsdCad infatti ha messo su circa il 3% in questo primo spicchio dell'anno.
Eppure gli ultimi mesi dello scorso anno era stati di tenore opposto. Cosa succede?

Pesa moltissimo l'incertezza sul futuro dell'Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA). Gli sforzi per rinegoziare l'accordo finora non hanno avuto successo, e il recente atteggiamento di Washington sul tema protezionismo ha aumentato la pressione.
Ricordiamo che il Canada è il maggiore fornitore di acciaio e alluminio degli Stati Uniti, proprio quei beni su cui Trump introdurrà pesanti dazi commerciali. Tuttavia finora l'impatto è stato limitato perché il rappresentante commerciale degli Stati Uniti, Peter Navarro, ha dichiarato che Canada e Messico saranno esonerati dalle nuove tariffe fino a quando la rinegoziazione del NAFTA non sarà conclusa.



Secondo alcuni analisti, se sulla rinegoziazione del NAFTA non verrà raggiunta un'intesa, il dollaro canadese potrebbe addirittura svalutarsi di una decina di punti percentuali.

Se le preoccupazioni commerciali sono il fattore più importante che spiega la debolezza del dollaro canadese, una parte significativa delle sue perdite sono anche il risultato del cambiamento delle aspettative sui tassi di interesse in Canada. La BoC ha confermato proprio ieri il costo del denaro all'1,25%, e lo scenario più plausibile ipotizza un altro ritocco all'insù entro fine anno e poi due nel 2019. Si dovrebbe così arrivare al tasso di politica della BoC del 2,00% entro la fine del 2019.



Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
3 F 4 D 7 Z
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market