rupia-2.jpg

India, la RBI conferma il costo del denaro. La coppia Usd-Inr marcia in lieve rialzo

Scritto da -

Magari nel secondo semestre potremmo assistere a una retorica più aggressiva da parte dell'RBI
Con 5 voti favorevoli e un solo contrario (quello del "falco" Michael Patra) all'interno del Monetary Policy Committee, la RBI indiana ha deciso di lasciare il tasso repo invariato al 6,00% come era previsto.
La scelta della Reserve Bank of India è motivata dai rischi sull'andamento dell'inflazione, che potrebbe muoversi al rialzo rimanendo oltre il target medio del 4%. L'ultima rilevazione pone l'indice dei prezzi al consumo al 5,21% (la prossima rilevazione è attesa settimana prossima). La banca centrale ha ridotto inoltre la proiezione della crescita economica al 6,6 per cento per il 2017-18 dal 6,7 per cento.



Il costo del denaro rimane quindi al livello più basso dal 2010, che venne toccato grazie al taglio fatto ad agosto scorso. Difficilmente il superamento dell'obiettivo di inflazione comporterà un cambiamento nella politica della RBI, a meno che il superamento non diventi consistente.
Ricordiamo che un paio di mesi fa la RBI sostenne che fattori transitori e strutturali possono ancora spingere la deflazione.
Nel caso in cui i prezzi al consumo dovessero rimanere entro un rialzo accettabile, è presumibile che i tassi ufficiali rimarranno fermi fino al prossimo anno. Magari nel secondo semestre potremmo assistere a una retorica più aggressiva da parte dell'RBI, in preparazione a un aumento futuro del costo del denaro.



Sul mercato valutario, la rupia oggi si va deprezzando leggermente contro il dollaro USA. La coppia UsdInr viaggia verso 64,38. Tuttavia, la debolezza del dollaro ha aiutato la valuta indiana a limitare le perdite, anche se alcuni analisti ipotizzano che nelle prossime settimane possa esserci un nuovo strappo al rialzo del biglietto verde.

Vedi tutte le news valutarie su:






  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
6 z e 6 R 9
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market