dollaro-nuova-zelanda-4.jpg

NeoZelanda, la RBNZ non tocca i tassi e si mostra dovish: NZD in caduta

Scritto da -

Subito dopo la decisione della RBNZ il cross Nzd-Usd è crollato di oltre un punto e mezzo percentuale
La Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) ha conservato il tasso di riferimento invariato all'1,75% ancora una volta. Una decisione che non sorpreso gli analisti, giunta nell'ultima riunione prima dell’insediamento di Adrian Orr (a marzo).

Nella sua valutazione delle condizioni economiche, il board della RBNZ ha evidenziato un rallentamento dell'attività economica nella seconda metà del 2017, ma con buone prospettive di crescita in futuro.
Riguardo all'inflazione (l'ultima rilevazione è stata in calo all'1,6% annuo) la banca centrale ritiene che le pressioni sui prezzi si ridurranno ancora, ma tuttavia le aspettative a lungo termine sono ben ancorate al 2% (il target è compreso tra 1-3%, con il valore medio che resta quello ideale).



L'istituto centrale australiano potrà così continuare a contenere la forza del "dollaro kiwi" (NZD) in modo da sostenere ancora l'inflazione e favorire una crescita più equilibrata. La RBNZ ha voluto spegnere sul nascere le speculazioni su un possibile rialzo anticipato dei tassi in scia alla FED.



Sul fronte valutario, subito dopo la decisione della RBNZ il cross NzdUsd è crollato di oltre un punto e mezzo percentuale verso quota 0,723. Dopo due mesi di ascesa, la coppia sembra adesso virare al ribasso con maggior decisione visto l'approccio molto dovish della RBNZ.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
6 E 8 V 1 y
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market