fed-2.jpg

FED verso il rialzo dei tassi, ma resta il dilemma inflazione

Scritto da -

Resi noti i verbali del meeting Fomc di tre settimane fa. Si va verso un rialzo del costo del denaro a dicembre
Il rialzo dei tassi negli States a dicembre continua ad essere una possibilità molto concreta. Dai verbali del Fomc - l'organo di politica monetaria della FED - relativi alla riunione di alcune settimane fa emerge infatti che c'è fiducia nella crescita economia USA, malgrado sullo sfondo restino i problemi legati alla bassa inflazione e alla crescita stagnante dei salari.

Tuttavia ci sono da mettere in conto i dati macro molto positivi. Il Pil ha raggiunto infatti il 3,1% su base annua, la disoccupazione è al 4,2% mentre anche la spesa per i consumi e la produzione denotano una certa crescita. Va anche sottolineato che i membri del FOMC ritengono che la riforma fiscale in discussione al Senato possa portare benefici all’economia americana (visto il sostanzioso taglio).



C'è però il dato sull'inflazione che continua a tenere in bilico le decisioni future. Non è mancato chi ha chiesto un rinvio del rialzo dei tassi fino a quando l’inflazione non arriverà sulla strada del 2%. Alcuni membri del FOMC temono che mosse troppo azzardate possano generare degli squilibri e generare effetti negativi sull'economia. Malgrado questo, l'opinione diffusa è che ci siano le condizioni per un aumento graduale del costo del denaro. La Fed ha già alzato i tassi due volte nel 2017.

Janet Yellen, presidente uscente della Fed, ha riconosciuto che il board non è in grado di dare risposte esaurienti riguardo alla debolezza dell'inflazione, ma che la maggior parte si aspetta che la dinamica dei prezzi comincia a salire nel medio termine. Per questo la presidente ha sottolineato che attendere troppo a lungo prima di agire potrebbe costringere la FED - di fronte a un improvviso decollo dell'inflazione - ad alzare improvvisamente i tassi danneggiando la più grande economia del mondo.

Sul mercato valutario intanto, la vigilia del Thanksgiving segna un calo deciso del dollaro contro l'euro, con la coppia EurUsd che in serata supera di nuovo quota 1,18.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
7 h 6 W 1 V
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market