euro-2.jpg

Eurozona, inflazione all'1,4% secondo le attese. Major Eur-Usd stabile

Scritto da -

Eurostat ha comunicato il dato sull'inflazione in Europa. Cresce l'ottimismo di centrare in futuro il target 2%
Rimane stabile l'inflazione in Europa. Secondo i dati diffusi da Eurostat nel mese di ottobre l'Indice dei prezzi al consumo (CPI definitivo) è cresciuto dell'1,4% su base annuale, così come si aspettavano gli analisti e così come era stata la stima preliminare.
Sale dello 0,1% l'inflazione mensile, dopo la crescita dello 0,4% della lettura precedente. L'indice Core (ovvero l'inflazione al netto delle componenti volatili come energia, cibo, alcool e tabacco) cresce dello 0,9% rispetto a ottobre 2016.

Dopo questi dati, l'istituto centrale europeo acquisisce maggiore fiducia circa la possibilità di centrare il target del 2%. Almeno così la pensa Peter Praet, membro del Comitato esecutivo della BCE. Il fatto che da gennaio verrà ridotto lo stimolo monetaria (passa da 60 a 30 miliardi di euro l'ammontare mensile del programma di acquisti di titoli) "riflette la crescente fiducia nella graduale convergenza dell'inflazione verso i nostri target", ha spiegato Praet a Bruxelles. "Dobbiamo rimanere pazienti e tenaci", ha aggiunto.

Sul fronte valutario, la coppia EurUsd non si è mossa granché. La valuta unica ha tentato di rimbalzare sui minimi della sessione nell'area 1.1760 contro il biglietto verde, per tornare in area 1,18. Senza successo fino a questo momento, anche perché i dati positivi sull'inflazione dei consumatori USA e sulle vendite al dettaglio hanno aumentato le aspettative per un rialzo dei tassi della Fed a dicembre, contribuendo in tal modo a dare forza al dollaro. Occhio però perché a breve è atteso il voto della Camera dei rappresentanti sulla riforma fiscale americana.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
h 5 m 3 M 9
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market