real-brasile.jpg

Brasile, altro taglio al Selic (7,5%). BRL stabile contro il dollaro

Scritto da -

Previsto un altro ritocco tra dicembre e gennaio. Nell'ultimo mese il Reais brasiliano ha perso terreno contro il dollaro americano
Arriva un altro ritocco al tasso di interesse in Brasile. Il Comitato di politica monetaria (Copom) ha sforbiciato il tasso Selic, portandolo al 7,50% con una decisione unanime (dopo che a settembre l'aveva già ridotto di 100 punti base). Attualmente siamo ai livelli più bassi visti dall'aprile 2013 (il tasso aveva toccato un picco del 14,25% durante il 2016).

Il Banco Central do Brasil continua quindi il percorso di normalizzazione della politica monetaria brasiliana, dopo aver effettuato altri ritocchi a febbraio, aprile, maggio, luglio e settembre. L'istituto inoltre ha fatto sapere che la riduzione degli stimoli all'economia proseguirà in base all'andamento dei dati macro, dell'equilibrio dei rischi e delle prospettive di inflazione. Ci si aspetta un ulteriore taglio (più moderato) a inizio 2018 (o magari anche a dicembre).



A spingere in questa direzione sono diversi fattori. La BCE ha infatti evidenziato delle previsioni sull'inflazione del 2017 a circa 3,3%, mentre nel 2018 dovrebbe salire a 4,3% e nel 2019 stabilizzarsi verso il 4,2%. Nell'ultima rilevazione l'inflazione è stata segnata al 2,46% (in netto calo), valore che non si vedeva dal 1999. Il target della BCB va dal 2,5% al ​​6,5%.
Occhio però agli echi delle vicende politiche del presidente Temer (peraltro ricoverato ieri per un problema urologico), visto che la Camera ha bloccato l'impeachment contro il presidente riguardo una seconda denuncia penale avanzata dalla procura generale. Questo pericolo schivato potrebbe avere effetti benefici sulla stabilità.

Sul mercato valutario intanto la coppia UsdBrl ha avuto un lieve sussulto al ribasso verso 3,20, ma ricordiamo che da inizio ottobre marcia al rialzo. Da gennaio 2017 il Reais ha perso circa il 3,5% sul dollaro (anche se estendendo il raggio temporale ainizio 2016 c'è stato un guadagno di oltre il 20%, visto che il cross quotava 4,1).

Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
m 9 w 7 q 3
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market