dollaro-2.jpg

USA, inflazione più su del previsto. Il dollaro si rialza ma poi torna indietro

Scritto da -

Gli occhi degli investitori sono puntati sulla riunione di politica monetaria della Federal Reserve, in calendario settimana prossima
Il dato più atteso di questi giorni dà un sostengo al dollaro e all'economia USA. Nel report del Dipartimento per il Commercio USA si legge infatti che l'inflazione è cresciuta all'1,9% su base annua, ovvero molto di più dell'1,6% previsto dagli analisti e ad un passo dal target del 2% fissato dalla Fed. I prezzi al consumo sono saliti dello 0,4% ad agosto contro le aspettative di un aumento dello 0,3%.
Il dato "core" annuale, considerato dalla Federal Reserve (Fed) un indicatore migliore delle pressioni inflazionarie a lungo termine (giacché esclude i costi delle categorie più volatili), è salito all'1,7%.

Nel frattempo diminuiscono le richieste di sussidio alla disoccupazione in USA, giunte a 284 mila rispetto ai 298 mila della settimana precedente. Le attese del consensus erano per un aumento fino a 300 mila unità.

Dopo i report macro il dollaro ha ricevuto una spinta nel Forex. Il cross EurUsd è sceso a 1,1839, ai minimi da quasi tre settimane, salvo poi recuperare quasi tutti i guadagni in seguito (l'index nel frattempo era salito a 92,53).
Dinamica simile per UsdJpy che ha prima sfiorato i massimi da inizio agosto, ma poi è tornato indietro portandosi sul minimo di giornata di 100,33, come vediamo sulla piattaforma di trading Plus500 (in coda all'articolo la tabella che mostra il confronto tra spread fissi dei maggiori broker).






Netto invece il calo del biglietto verde contro la sterlina, sotto l'influenza di un approccio molto più hawkish delle BoE (che però ha tenuto i tassi invariati).

Gli occhi degli investitori sono puntati sulla riunione di politica monetaria della Federal Reserve, in calendario settimana prossima. La presenza di buoni dati sull'inflazione ha dato man forte al dollaro, ma non significa che ci siano maggiori probabilità che la Fed aumenti i tassi già quest’anno.
Tuttavia i futures sui Fed Funds tornano a proiettare una probabilità superiore al 50% circa un intervento sulla politica monetaria nel prossimo meeting di dicembre.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
T 4 C 7 f 5
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market