euro-2.jpg

Euro, il PIL cresce ma l'indice PMI delude. Il cross Eur-Usd stabile sopra 1,18

Scritto da -

Nel mese di luglio l’indice PMI manifatturiero in Europa è sceso a 56,6 punti, rispetto ai 57,4 punti del mese precedente
Il Prodotto Interno Lordo dell'Eurozona cresce rispetto all'ultimo trimestre, ma meno delle previsioni degli analisti. Questo porta una fase di debolezza della valuta unica nelle mattinata sui mercati valutari.
Secondo Eurostat l'economia dell'area euro si è ampliata a un ritmo più veloce nel secondo trimestre. Il PIL è cresciuto del 0,6%, meglio dello 0,5% del primo trimestre. Su una base annua invece la crescita è arrivata al 2,1%, e anche se è meglio dell'1,9% precedente è molto meno di quanto si aspettavano gli analisti (2,4%).

Nel mese di luglio l’indice PMI manifatturiero in Europa è sceso a 56,6 punti, rispetto ai 57,4 punti del mese precedente; si tratta del livello più basso degli ultimi cinque mesi. Il dato è stato anche inferiore all’indicazione preliminare diffusa nei giorni scorsi (56,8 punti). Tuttavia, il dato segnala che la manifattura europea si conferma in fase di forte espansione dal momento che il valore di questo indice è oltre la soglia dei 50.
Scendono anche il PMI manifatturiero tedesco, spagnolo, italiano e francese.



A seguito di questi dati, il cross EurUsd è rimasto sostanzialmente stabile (o con lievi decremento). Anche nei confronti delle altre valute principali l'euro si è mosso poco (anche la coppia EurGbp è appena in calo). Riguardo la coppia con il biglietto verde, possiamo ancora vedere di fondo una forte tendenza rialzista, con prossimo livello di resistenza a 1.1876 (livello del 2010) e un occhio sempre verso quota 1.20, che oggi come oggi non sembra più irraggiungibile come era qualche mese fa.

Un'ultima considerazione riguarda un’anticipazione del prossimo Bollettino Economico della BCE. Secondo l'istituto centrale europea le entrate derivanti dall’incremento della tassazione sul lavoro sono aumentate notevolmente durante l'ultimo periodo di consolidamento, ma adesso un forte taglio favorirebbe molto la crescita.
La Banca centrale europea suggerisce di operare una transizione verso una maggiore tassazione delle proprietà, anche per motivi di equità.

Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
7 W 7 s 1 U
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market