dollaro-australia-2.jpg

Australia, tasso di interesse confermato. Il cross Aud-Usd in orbita 0,80

Scritto da -

L'aussie nell'ultimo mese ha guadagnato quasi il 5% contro il dollaro. Rimane il problema dell'inflazione sotto il target
La banca centrale australiana decide - come era nelle previsioni - di non toccare i tassi di interesse. La RBA ha infatti comunicato la scorsa notte di confermare il costo del denaro all'1,5% (ai minimi storici). L'ultimo ritocco è stato deciso ad agosto 2016, quando la banca centrale tagliò i tassi dello 0,25%.

La motivazione che ha spinto la RBA a non agire sui tassi è che la ripresa dell'economia e i segnali di stabilità giunti dal mercato del lavoro (nel 2017 l'economia australiana ha creato 160mila posti di lavoro) consentono di proseguire su questa via, senza ulteriore necessità di misure a sostegno della crescita. Questo malgrado qualche giorni fa il governatore Lowe si lasciò andare a questa considerazione: "sarebbe meglio se il tasso di cambio fosse più basso di quello attuale".



Ricordiamo che di recente l'inflazione è scivolata sotto il target (2-3%) e anche sotto le aspettative del mercato. Infatti l'Australian Bureau of Statistics ha annunciato che i prezzi al consumo giungono all'1,9% su base annua nel secondo trimestre.

A tutto questo si collega una certa preoccupazione per la forza dell'aussie sul mercato valutario. Il cross AudUsd gravita attorno quota 0,8 e nell'ultimo mese ha guadagnato quasi il 5% contro il dollaro (come vediamo dal grafico sottostante grazie alla piattaforma di trading Plus500).
Questo crea un'ulteriore tensione al ribasso sui prezzi. Secondo l'opinione della RBA, una crescita del 10% del cross AudUsd diminuirebbe l'1% all'inflazione annua ponderata in tre anni.





Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
9 G H 5 H 9
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Lo spread è il vero costo per il trader. Ecco perché è importante sapere quale è il broker più conveniente con cui negoziare
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market