alligator-stocastico.jpg

Strategia per opzioni binarie con Alligator e Stocastico

Scritto da -

Ecco una semplice strategia di trading che sfrutta i segnali dati dall'Alligatore e dall'oscillatore stocastico

Semplicità e immediatezza. Se queste sono le parole d'ordine affinché una strategia sia utilizzabile per le opzioni binarie a breve scadenza, di sicuro possiamo utilizzare quella che sfrutta l'Alligator e oscillatore stocastico.
Se non li conosci, qui trovi una loro spiegazione:
L'Alligator
Oscillatore Stocastico


La strategia Alligator e Stocastico


L'Alligator utilizza le Medie Mobile (SMA) e i loro incroci per prevedere l'andamento dei prezzi e quindi decidere quando aprire delle posizioni di trading. Lo stocastico segnala invece situazioni estreme di mercato (ipercomprato e ipervenduto), quando potrebbe cioè verificarsi un esaurimento del trend in corso o una inversione.


Ecco i settaggi.
1) Alligator 26,14,8 (e “shift” 14,8,5)
2) Indicatore Stocastico impostato a 17,9,3


Abbiamo fissato alti parametri per l'Alligator in modo da controbilanciare la maggiore volatilità del mercato (visto che operiamo su periodi brevi).
Inoltre utilizzeremo un grafico a 1 minuto sulla piattaforma IQOption, una delle migliori per il trading binario (si veda tabella in coda all'articolo).


Come agire


Negli esempi che vedremo abbiamo usato colori aderenti alla realtà per le nostre linee dell'Alligatore:
La linea arancione sono le "mascelle".
La linea bianca sono i "denti".
La linea rossa sono le "labbra".


Riceviamo un segnale di acquisto “CALL” quando:
1) Siamo in un trend rialzista che viene evidenziato da questa sequenza di linee: labbra (in alto), denti, mascella (con linee ben separate);
2) Stocastico NON è in ipercomprato.
3) Prezzi sono oltre la linea delle labbra.
Ecco un esempio concreto su IQOption.
alligator-stocastico-1.jpg


Riceviamo un segnale di vendita “PUT” quando:
1) Siamo in trend ribassista: mascella (in alto), denti, labbra (con linee ben separate)
2) Stocastico NON è in ipervenduto.
3) Prezzi sono sotto la linea delle labbra.
Ecco un esempio concreto.
alligator-stocastico-5.jpg


Per completezza vediamo un caso in cui la presenza dello Stocastico come indicatore di conferma ci ha evitato situazioni scomode.
Nell'immagine di seguito infatti, sul grafico principali c'erano inizialmente le condizioni per agire, ma lo stocastico in ipervenduto ci ha rinviato l'appuntamento con il trade.
Poco dopo invece è venuta mancare la condizione numero 3 (i prezzi infatti toccano le labbra e non sono più sotto)
alligator-stocastico-3.jpg


Un caso particolare...


Il secondo caso che vediamo invece è quello di un trade in perdita (embé succede...).
Se seguiamo l'andamento dei prezzi sul grafico, vediamo che in un primo momento lo stocastico ci ha impedito di entrare nel mercato (evidenziato dalla scritta NO), ma sfortunatamente il trend discendente è proseguito; in un secondo momento i prezzi che toccano la linea delle labbra ci hanno invece evitato l'ingresso a mercato (anche qui abbiamo messo un bel NO), e stavolta abbiamo schivato un trade in perdita.
Purtroppo però poco dopo le condizioni per l'ingresso si sono tutte verificate, e ciò ci ha portato a entrare a mercato e incappare in un trade perdente.
alligator-stocastico-4.jpg

ATTENZIONE perché se fossimo stati un po' più attenti, avremmo schivato anche questo trade perdente.
Come si vede dal grafico infatti, poco prima di ricevere il nostro segnale di ingresso sul mercato lo stocastico e i prezzi si sono mossi in modo divergente: mentre il primo saliva, i secondi sono scesi. Questo avrebbe dovuto farci accendere una lampadina riguardo la possibilità che il trend discendente si stesse esaurendo (ecco perché ti abbiamo suggerito di rileggere bene cos'è e come funziona l'Oscillatore Stocastico). Se avessimo seguito la logica, avremmo evitato un trade perdente.


Ti ricordiamo che qui trovi un ELENCO DI TUTTE LE STRATEGIE che abbiamo esaminato (anche per trading Forex-CFD).





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
2 y x 6 h 4
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market