bears-bulls-power.jpg

Bears power e Bulls power, cosa sono e come sfruttare questi indicatori

Scritto da -

Questi oscillatori servono per identificare i successivi livelli di prezzo ai quali potrebbe verificarsi delle inversioni di trend

Gli indicatori tecnici Bears Power e Bulls Power furono ideati da Alexander Elder, che li sfruttò per misurare la pressione esercitata delle tendenze ribassiste (Bears) oppure rialziste (Bulls) in un determinato periodo di tempo. Questa pressione serve per identificare i successivi livelli di prezzo ai quali queste spinte verranno bilanciate, e di conseguenza dove potrebbe verificarsi l'inversione del trend.

Graficamente si presentano come istogrammi, come vediamo nell'esempio sottostante tratto da Lcg, broker con esperienza ventennale che piace ai trader anche perché non impone un deposito minimo (si veda in proposito la tabella in coda all'articolo).
bears-bulls-power-1.jpg


Bears Power


Cominciamo ad esaminare il Bears Power, poi passeremo al suo opposto.
Il Bears Power viene calcolato come la differenza tra il minimo del periodo di riferimento (che di fatto indica il momento in cui la pressione dei venditori ha raggiunto il suo culmine) e la media mobile esponenziale a 13 periodi.
Se il trend è al ribasso il minimo sarà sotto la media esponenziale, quindi il Bears Power avrà valori negativi e l'istogramma si colloca sotto la linea dello zero.
Se il trend è al rialzo il minimo sarà sopra la media esponenziale, quindi il Bears Power avrà valori positivi e si colloca sopra la linea dello zero.


Come sfruttare il Bears Power


In linea di massima si riceve un segnale d'acquisto quando:
1) Il Bears ha valori negativi ma sta progressivamente salendo.
2) In caso di divergenza col prezzo: quando i prezzi continuano il trend decrescente mentre il Bears sale progressivamente.


Si riceve invece un segnale di vendita quando:
1) Il Bears ha valori negativi e sta progressivamente scendendo.
2) In caso di divergenza col prezzo: quando i prezzi continuano un trend crescente mentre il Bears diminuisce progressivamente.



Bulls Power


Per il Bull Power valgono le considerazioni fatte per l'altro strumento, solo che al contrario.
Viene calcolato come la differenza tra il massimo del periodo di riferimento (che di fatto indica il momento in cui la pressione degli acquirenti ha raggiunto il suo culmine) e la media mobile esponenziale a 13 periodi.
Se il trend è al rialzo il massimo sarà sopra la media esponenziale, quindi il Bulls Power avrà valori positivi e l'istogramma si colloca sopra la linea dello zero.
Se il trend è al ribasso il massimo sarà sotto la media esponenziale, quindi il Bulls Power avrà valori negativi e si colloca sotto la linea dello zero.


Come sfruttare il Bulls Power


In linea di massima si riceve un segnale di acquisto quando:
1) Il Bulls ha valori positivi e sta progressivamente salendo.
2) In caso di divergenza col prezzo: quando i prezzi continuano un trend decrescente mentre il Bulls cresce progressivamente.


Si riceve invece un segnale di vendita quando:
1) Il Bulls ha valori positivi ma sta progressivamente scendendo.
2) In caso di divergenza col prezzo: quando i prezzi continuano il trend crescente mentre il Bulls scende progressivamente.



Conclusioni


Gli indicatori che abbiamo appena visto possono darci degli spunti interessanti per fare trading, ma come suggerisce lo stesso Elder, è consigliabile utilizzare Bears Power e Bull Power in congiunzione ad un indicatore di trend, per meglio cogliere i segnali.
Per completezza ricordiamo che Bulls e Bears Powers possono essere combinati in un oscillatore conosciuto come Elder-ray indicator, ma è utilizzato per le azioni non per il mercato forex.


Ti ricordiamo infine che [url=http://www.universoforex.it/news/archivio.php?sortby=3&categoria=6]qui puoi trovare l'elenco degli indicatori di trading che abbiamo esaminato[/url].





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
3 W 3 v 3 n
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Lo spread è il vero costo per il trader. Ecco perché è importante sapere quale è il broker più conveniente con cui negoziare
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market