market-facilitation-index.jpg

Market facilitation index (MFI), cos'è e come si utilizza per fare trading

Scritto da -

Il MFI serve a identificare dei trend solidi, in modo da poter entrare nel mercato con maggiore probabilità di successo

Tra i vari indicatori inventati da Bill Williams, il Market Facilitation Index (MFI) è quello più particolare e forse meno noto. Serve a misurare l'attendibilità di un movimento del prezzo, ovvero quanto sia indicativo che un asset si stia muovendo in una certa direzione.
In sostanza: aiuta a decidere quando una tendenza è abbastanza forte per giustificare l'ingresso sul mercato, quando una nuova tendenza potrebbe essere in procinto di iniziare e quando potrebbe essere meglio evitare trading.


Come si calcola il Market Facilitation Index


Per capire la logica di questo indicatore, partiamo da alcune premesse.
In un mercato se non c'è equilibrio tra compare e vendere, si genera un trend perché una delle due forze è maggiore dell'altra e quindi spinge il prezzo verso l'alto (eccesso di domanda) oppure il basso (eccesso di venditori).
Il trend rappresenta secondo Williams l'occasione per guadagnare, perché è una situazione definita e chiara. Secondo lui quindi quando il mercato è in trend, allora il trader corre "sul concreto" mentre se il mercato non è in trend allora corre "sul fango", cioè si impantana in una situazione che potrebbe evolversi in diversi modi.
Ecco, il Market Facilitation Index (MFI) entra in gioco proprio perché ci permette, confrontandolo con i volumi di negoziazione, di capire quanto un trend sia indicativo e quindi "cavalcabile" dai trader.

Il calcolo di questo indicatore è:
BW MFI = RANGE (ovvero differenza tra massimo e minimo giornaliero) / VOLUME
In pratica esprime il movimento di prezzo per unità di volume.


Come si usa il MFI nel trading


Diciamo subito che il valore dell'indicatore in sé non ha significato, ma bisogna guardare a come si muove e contemporaneamente come si muovono anche i volumi di scambio.
Ci aiutiamo con la figura sottostante, tratta dalla piattaforma di trading di Lcg, uno dei broker più apprezzati (anche per via del fatto che non prevede un deposito minimo iniziale, ma questo viene scelto liberamente dal trader)
market-facilitation-index-1.jpg


Più precisamente, William definisce quattro possibili scenari:
1. BARRA VERDE: Contemporaneo aumento dei volumi e dell'indice MFI. E' una situazione di mercato molto attivo, con molti partecipanti che per lo più seguono la direzione del trend, e questo rende significativo il movimento del prezzo.
Si possono aprire posizioni in direzione del trend.
Se si hanno posizioni aperte contro trend, meglio chiuderle.
2. BARRA MARRONE: Diminuzione dei volumi e dell'indice MFI. Il mercato poco interessante, di solito questo accade alla fine di un trend. Tuttavia una situazione simile potrebbe essere la “miccia” per un big move del prezzo, nel caso in cui dovessero entrare a mercato molti compratori o molti venditori, senza trovare un adeguato numero di controparti.
Questa situazione potrebbe quindi evidenziare una inversione del trend, specie se ci sono diverse barre marroni consecutive.
3. BARRA BLU: Diminuzione dei volumi ma aumento dell'indice MFI. C'è un trend, ma senza volumi adeguati è rischioso perché diventa probabile che il mercato sia sostenuto da manovre speculative.
Meglio quindi non stare nel mercato in una situazione di questo tipo.
4. BARRA ROSA: Aumentano i volumi ma diminuisce l'indice MFI: mercato in grande attività, ma non esprime un trend deciso perché è in corso l'ultima battaglia tra rialzisti e ribassisti, come dimostra appunto il volume elevato. Può esserci una grossa opportunità non appena questa battaglia finisce e si instaura un nuovo trend.


Conclusioni


Questo indicatore è molto più concettuale che pratico, perché a nostro avviso ci sono indicatori molto più semplici da gestire e "leggere". Tuttavia può essere un buona spalla per altri strumenti.
Ricordiamo che la sua utilità è quella di identificare delle situazioni in cui - vista una tendenza abbastanza forte - saresti giustificato ad entrare nel mercato, oppure quando una nuova tendenza potrebbe essere in procinto di iniziare e quando potrebbe essere meglio evitare trading.
Per questo può essere utilizzato in combinazione con altri indicatori, per avere conferma sull'opportunità di fare trade.


Ricordiamo inoltre che qui puoi trovare l'ELENCO delle STRATEGIE DI TRADING esaminate da Universoforex.
Buon trading!





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
4 t E 1 u 5
Strategie

IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market