bank-of-england.jpg

Tassi invariati in Gran Bretagna e Nuova Zelanda: giù la sterlina e il dollaro kiwi

Scritto da -

Tutto come prima in Gran Bretagna e Nuova Zelanda, dove i tassi sono rimasti esattamente com'erano finora. Non sono però mancati spunti interessanti nei discorsi dei responsabili di politica monetaria, soprattutto per la Gran Bretagna.
La Bank of England (BOE) ha lasciato invariati i tassi di interesse e il piano di acquisto di asset (Quantitative Easing), con una decisione a larga maggioranza: 7 contro 1. Il costo del denaro rimane così a 0,25%, minimo storico che fu fissato lo scorso mese di agosto (in seguito alla Brexit). Il Monetary Policy Committee (MPC) ha poi deciso di confermare il piano di QE a 435 miliardi di sterline.

E' molto interessante però ciò che ha osservato il Governatore Marc Carney, che ha sottolineato come la debolezza della sterlina post-Brexit sia il primo driver dell'inflazione in aumento. Tuttavia, la Bank of England non ha escluso la possibilità di procedere con un aumento dei tassi di interesse prima della fine del 2019, ma molto dipenderà da come verrà affrontato proprio il negoziato per l'uscita dalla UE.



Gli investitori si aspettavano un tono più "aggressivo" da parte della BoE, e per questo la delusione ha innescato la vendita sulla sterlina. Sul mercato valutario infatti il pound perde quota. Il cross EurGbp viaggia a 0,8442 (+0,52%) mentre la coppia GbpUsd scende a 1,2870 (-0,54%).

Anche la Nuova Zelanda conferma i tassi


Nella notte era invece toccato alla NeoZelanda confermare la propria politica monetaria, lasciando i tassi di interesse all'attuale livello dell'1,75% (L'ultimo taglio risale a novembre 2016). La Banca centrale della Nuova Zelanda ha inoltre confermato per l'ennesima volta che la politica monetaria resterà accomodante ancora per lungo tempo.
Secondo quanto dichiarato dal governatore Graeme Wheeler, l'aumento dell'inflazione nel trimestre chiuso a marzo è dovuto principalmente a effetti temporanei (in special modo benzina e prodotti alimentari) che potrebbero portare a una certa variabilità dell'inflazione complessiva nel corso dell'anno".



Anche in questo caso la posizione dell'istituto centrale ha finito per zavorrare la valuta nel Forex. Il dollaro kiwi infatti si indebolisce: il cross NzdUsd scende a 0,6845 (-0,67%) ma nel corso della notte era giunto anche a perdere l'1,20% scivolando a 0,6718 contro il biglietto verde, livello minimo dal 3 giugno dello scorso anno.

Vedi tutte le news valutarie su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
G 5 H 1 j 3
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex per ottenere profitti dalla speculazione valutaria. Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market