ichimoku-kinko-hyo.jpg

Ichimoku Kinko Hyo, un sistema di trading completo. Ecco come sfruttarlo per fare dei profitti

Scritto da -

Non è un indicatore ma una vera e propria tecnica di analisi grafica che in un solo colpo d'occhio ci dice tutto della situazione di mercato

Il suo nome è quasi uno scioglilingua impronunciabile, ma il funzionamento dell'Ichimoku Kinko Hyo è uno di quelli più apprezzati dai trader, proprio per la sua semplicità di lettura. Anche se viene spesso considerato n indicatore, in realtà si tratta di una tecnica di Analisi Grafica che si ispira a quella analisi assai tradizionale dell'incrocio delle Medie Mobili.


Se conosci già le medie mobili, allora saprai che le strategie che le sfruttano hanno un limite rappresentato dal fatto che offrono indicazioni ritardate rispetto all'evento che interessa al trader, ovvero l'inversione di tendenza e il punto di entrata.
La tecnica grafica Ichimoku Kinko Hyo cerca proprio di ovviare a questi inconvenienti.


L'elemento caratterizzante dell'Ichimoku sono le cosiddette “nuvole” (Kumo). Sono aree che vengono formate sul grafico e che rappresentano delle aree di supporto e di resistenza.
Tuttavia sarebbe riduttivo parlare solo delle "nuvole", perché la forza di questo strumento sta nel fatto che può offrire una lettura molto completa delle situazioni di mercato in un solo colpo: trend in atto, la sua forza, gli obiettivi di prezzo e le aree di supporto e resistenza.
Tutto questo senza il bisogno di ulteriori indicatori e tutto in un “solo colpo d’occhio”.
Prima di proseguire, diamo giusto un occhio e vediamo come si presenta sulla piattaforma del broker BDSwiss, dove questo strumento è disponibile (puoi vedere il confronto tra questo operatore e gli altri nella tabella alla fine dell'articolo).
ichimoku-kinko-hyo_4.jpg


Come è strutturato l'Ichimoku Kinko Hyo


Per riuscire nell'intento di darci una panoramica chiara e completa sulla situazione del mercato, questo strumento utilizza cinque elementi, che interagiscono tra loro.
1) Tenkan-sen (celeste/viola): una media mobile a 9 periodi. Questa è la linea più reattiva nonché quella che segue da più vicino l'andamento del prezzo.
2) Kijun-sen (blu): una media mobile a 26 periodi (detta anche “standard line” o “base line”), che segue su medie mensili l'andamento del prezzo;
3) Chikou Span (grigio): è definita anche “lagging line” (linea ritardata) perché riproduce esattamente la linea dell'andamento del prezzo, ma spostata indietro in senso temporale di 26 periodi. E' come se i prezzi andassero... in differita di 26 periodi.
4) Senkou Span A (tratteggiata verde): rappresenta il primo dei due limiti delle nuvole e nasce come punto medio tra la Tenkan e la Kijun, proiettato però di 26 periodi nel futuro;
5) Senlìkou Span B (tratteggiata rossa): rappresenta il secondo limite e va a creare con la Span A le nuvole, rappresentando anch’essa una proiezione della variazione di prezzo nel futuro, ma di 52 periodi.



Tenkan, Kijun e gli incroci


Sappiamo già qualcosa di come si sfruttano in analisi tecnica le medie mobili di breve (Tenkan) e medio periodo (Kijun). I loro incroci possono segnalare la prevalenza di trend rialzisti o ribassisti e allertarci riguardo il cambio di inerzia della quotazione.
Va però precisato che nel Ichimoku Kinko Hyo vengono calcolate diversamente dalle normali medie mobili, per cui non hanno un trend armonico ma bensì spezzato. In questo modo la loro inclinazione incorpora anche il Momentum dei Prezzi (più l'inclinazione è ripida, più è elevata la velocità e il Momentum del Prezzo), e quando diventano temporaneamente piatte indicano che in quell'area di prezzo c'è stato un consolidamento. Quindi quel livello di prezzo diventa un “attrattore” delle correzioni e un valido livello di Stop (o Trailing Stop) e di potenziale inversione.
Ecco come si presentano le due linee di cui stiamo parlando.
ichimoku-kinko-hyo_1.jpg


La Chikou e i trend


La Chikou, come detto, traccia l’andamento passato del prezzo, ovvero lo ripropone ma con 26 periodi di anticipo sul grafico.
Vediamo anzitutto come si presenta questa linea, isolandola da tutte le altre sempre sulla piattaforma BDSwiss
ichimoku-kinko-hyo_2.jpg
Come si può vedere l'andamento è perfettamente identico a quello dei prezzi, solo che viene "spostato sul grafico" di 26 periodi prima.


Questa componente ci dà alcune info utili anzitutto riguardo la fase di mercato in cui ci troviamo.
Se le “candele” dei prezzi in corrispondenza della Chikou si trovano al di sopra di tale linea, vuol dire che siamo in una fase Ribassista del trend mensile.
Se le candele dei prezzi in corrispondenza della Chikou sono sotto, vuol dire che ci troviamo attualmente in una fase rialzista del movimento mensile.
Se invece i prezzi sono sovrapposti alla Chikou, allora ci troviamo in un “Trading Range”.


La Chikou e i movimenti correttivi


C'è un'altra categoria di informazioni che possiamo ottenere dalla Chikou Span, e si ottengono dal suo confronto con i prezzi.
Quando c'è un movimento correttivo, possiamo identificare un target del movimento collocandolo al livello in cui la Chikou Span incontra il grafico dei Prezzi.
Se tocca e rimbalza, allora la correzione è finita.
Se tocca e rompe, la correzione si trasforma in inversione.


Kumo, le nuvole


Arriviamo alla parte grafica più interessante di questo strumento, ovvero le "nuvole".
Esse sono formate dalle Span A e B, che racchiudono tra di loro le nuvole.
Sono aree di resistenza se è la Span B a segnare il limite superiore
Sono da considerare aree di supporto se è la Span A a delimitare superiormente la nuvola.
Possiamo vedere il tutto in questo grafico tratto dal broker BDSwiss, dove ci sono tutti gli elementi del Ichimoku kinko hyo, nuvole comprese.
ichimoku-kinko-hyo_3.jpg


In linea di massima l'area della Kumo è una zona di Prezzi in cui non c'è un trend definito, per cui conviene astenersi da ogni operazione e i segnali che ci arrivano vanno considerati come meno affidabili.
Un prezzo che sta sopra la nuvola indica un forte slancio al rialzo.
Un prezzo che si trova sotto la nuvola indica un forte slancio al ribasso.
I prezzi che rimangono dentro la nuvola indicano debolezza o indecisione nel mercato.


I segnali del Ichimoku


Vista la complessità del tema, cominciamo dicendo quelli che sono i due segnali maggiormente significativi che questa analisi tecnica può darci.
Segnale rialzista forte. Se la media veloce (Tenkan) è sopra la media più lenta (Kijun Sen) e questo avviene sopra una Kumo positiva, sopra l'ultimo Swing ribassista della Chikou Span, e con una Chikou posizionata sopra le candele corrispondenti.
Segnale ribassista forte. Se la media veloce (Tenkan) è sotto la media più lenta (Kijun Sen) e questo avviene sotto una Kumo negativa, sotto l'ultimo Swing rialzista della Chikou Span, e con una Chikou posizionata sotto le candele corrispondenti.


Altri segnali


Se la linea dei prezzi perfora la Tenkan: segnale debole.
Se la linea dei prezzi perfora la Kijun: segnale più forte (perché si tratta di una Media di più lungo periodo).
Se le linee dei Prezzi si “appoggiano” sulla media che è inclinata, fa da sostegno alla prosecuzione del Trend.
Se le linee dei Prezzi si “appoggiano” sulla media che è piatta, siamo al test di un Supporto statico di breve, la tenuta o la rottura implica la prosecuzione del Trend in atto o l’inversione.


Conclusioni


Avere a che fare con l'Ichimoku Kinko Hyo significa lavorare con un sistema di trading completo. Proprio per la sua complessità ci vuole un po' di tempo per studiarlo e comprenderne il funzionamento, ma quando si impara a conoscerlo lo si può apprezzare in tutta la sua efficacia.





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
3 W 1 x 2 d
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market