adx-indicatore.jpg

Indicatore ADX, cos'è e come si utilizza nel modo giusto per fare trading online

Scritto da -

Uno strumento completo che descrive l'intensità di un trend e la sua direzione assieme alle DI line di un grafico

L'ADX, ovvero Average Directional Movement, è un indicatore che serve a misurare l'intensità di un trend, senza fornire alcuna indicazione sul modo in cui si orienta (ovvero la direzione che assume). Proprio per questo viene completato con altri due indicatori: –DI (Minus Directional Indicator) e +DI (Plus Directional Indicator), con i quali viene utilizzato in modo congiunto, in modo da fornire nel complesso sia la forza che la direzione del trend.
Proprio per questo motivo sulle piattaforme potreste trovare sia l'ADX singolo che il DMI (Directional Movement Index), che include sia ADX che line +DI e -DI. Avremo modo di vederlo a breve.


Come si calcola l'ADX


Comprendere come si calcola l'ADX non ha una specifica utilità ai fini dell'attività di trading, ma qui te lo diciamo lo stesso, giusto per soddisfare la curiosità o comunque a titolo accademico.

La costruzione di questo indicatore è basata sul +DM (plus directional moviment) e il –DM (minus directional moviment).
1) Il +DM è dato dalla differenza tra il massimo della barra attuale ed il massimo della barra precedente.
2) Il -DM è dato dalla differenza tra il minimo della barra precedente ed il minimo della barra attuale.


Ognuno di questi valori viene poi diviso per il "True Range", ovvero la massima escursione del prezzo tra la chiusura di una sessione con la chiusura delle sessioni seguenti. In questo modo otteniamo il –DI (Minus Directional Indicator) e +DI (Plus Directional Indicator), che a loro volta utilizziamo per creare l'ADX.


Ecco qual è la formula per il calcolo dell'indicatore ADX (Average Directional Movement).
adx-calcolo.jpg


Generalmente l'ADX viene calcolato su un time di 14 periodi.
Esso è compreso in un range che va da 0 a 100, tuttavia valori superiori ai 60-70 sono in realtà molto rari.


Analisi grafica con l'ADX


Passiamo adesso a vedere come si presenta sulle piattaforme di trading il nostro ADX.
Di solito è raffigurato con tre linee: la +DI line (verde), la -DI line (rossa) e la ADX line (nera). Su alcune piattaforme però potrebbe essere rappresentata solo la ADX line (cosa formalmente più corretta), e in questo caso dovrete cercare tra gli indicatori il DMI (Directional Movement Index) che è quello che presenta tutte e tre le linee (ADX, -DI, +DI).
Adesso te lo mostriamo su Plus500.
adx-average-directional.jpg



Come sfruttare l'ADX per fare trading


L'ADX line, come abbiamo detto in precedenza indica l'intensità del movimento dei prezzi e quindi del trend. Quando il suo valore va oltre i 40 sono tutti concordi nel dire che ci troviamo di fronte un’indicazione di tendenza forte.
Sotto i 20 sono tutti concordi nel dire che è indicativo di un mercato che probabilmente sta entrando in lateralità, e quindi meno appetibile per fare trading.
La fascia tra 20 e 40 invece dà maggiore discrezionalità. Infatti proprio a partire da valori di ADX > 20 che molti dicono che si può tradare (altri invece suggeriscono di aspettare valori dell'ADX superiori ai 25).
Ad ogni modo, quando raggiungiamo questa soglia come possiamo sfruttare questo indicatore per fare trading?


Qui entrano in gioco le DI line.
1) Quando la linea +DI incrocia andando verso il rialzo la linea -DI si genera un segnale di acquisto
2) Quando la linea +DI incrocia andando verso il ribasso la linea -DI si genera un segnale di vendita.
Vediamo questo secondo caso ancora una volta grazie a un grafico Plus500.
adx-esempio-trading.jpg


Strategia con ADX


Ci sono moltissime strategie che sfruttano l'indicatore ADX. Un esempio tra i più semplici è la strategia del Wave Tracker.


Conclusioni sull'ADX


Se l'ADX è uno degli indicatori più utilizzati nel trading online, vuol dire che la sua efficacia è riconosciuta da molti trader. Però è molto difficile che venga utilizzato da solo a causa della facilità di generazione dei segnali (e quindi anche di falsi segnali).
Per questo spesso viene utilizzato insieme a indicatori basati sul volume, come l’MFI, per avere una maggiore conferma del trend in atto.



  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
1 w 7 s 4 P
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto