euro-dollaro-2.jpg

L'inflazione debole avvicina il taglio dei tassi FED. Ma l'EUR-USD resta verso 1,130

Scritto da -

L'ipotesi di ritocco dei tassi da parte della FED a luglio viene stimata al 65%, in lieve crescita rispetto al 60% di martedì
Mercoledì i mercati hanno incassato gli ultimi dati sull'inflazione USA, senza reagire più di tanto. Quasi tutti i report sono stati al di sotto delle aspettative, confermando una marcata tendenza al rallentamento dell'inflazione e più in generale dell'economia a stelle e strisce.

I dati deludenti sull'inflazione


Secondo il Bureau of Labor Statistics, i prezzi al consumo negli USA sono aumentati dello 0,1% a maggio, rispetto allo 0,3% del mese precedente e allo 0,3% atteso.
Anche il tasso di inflazione core (ovvero escludendo i prezzi per cibo ed energia) è aumentato dello 0,1%, al di sotto della stima di 0,2%. In termini annuali, l'indice ha raggiunto un livello del 2%, anche se gli esperti prevedono una crescita al 2,1%. L'indice è sceso al di sotto di questo valore solo nel febbraio dello scorso anno.

Mercati poco reattivi all'IPC


Subito dopo la pubblicazione, la coppia euro-dollaro è salita a 1,1350 ma in seguito è tornata verso quota 1,1300. L'impulso al rialzo quindi è quasi immediatamente soffocato, in modo anche abbastanza inusuale. Ma una spiegazione c'è...




Va detto infatti che il mercato era preparato a ricevere dati deboli sull'IPC (anche se non così deboli), e inoltre nei giorni scorsi aveva già punito il dollaro per i Non Farm Payrolls peggiori del previsto e per le crescenti possibilità di un taglio dei tassi da parte della FED.
Non a caso resto l'indice del Dollaro era sceso a 96.459 lunedì scorso, toccando il più basso dalla fine di marzo.

Bisogna inoltre evidenziare che quando l'euro si apprezza contro il dollaro, in questo periodo lo fa più per la debolezza del biglietto verde che non per forza propria. Questo gli impedisce di sostenere rally forti e duraturi. Più che altro sono piccoli sussulti.



Cresce la possibilità di un taglio dei tassi


Riguardo alla ipotesi di ritocco dei tassi da parte della FED, questa possibilità adesso viene stimata a luglio al 65%, in lieve crescita rispetto al 60% di martedì. Nessuno invece si aspetta un ritocco da parte del Federal Open Market Committee (FOMC) nella riunione in programma a fine giugno.

Vedi tutte le news:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
6 w k 9 E 7
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto