rand-sudafrica.jpg

Il boom della produzione e l'appetito al rischio rilanciano il Rand: USD-ZAR a 14,700

Scritto da -

La valuta Sudafricana ha guadagnato circa l'1% contro il dollaro. Settimana scorsa era scivolata ai minimi di 9 mesi
Dopo aver vissuto una settimana (quella scorsa) decisamente negativa, il Rand Sudafricano ha ritrovato un po' di slancio in questi due giorni, allontanandosi dai livelli minimi di 9 mesi contro il biglietto verde.

Lo scivolone dei giorni scorsi


La prima settimana di giugno era cominciata molto male per la valuta di Pretoria, appesantita anzitutto dalla difficile situazione politica interna. L'elezione di Cyril Ramaphosa, leader dell’ANC, è stata però accompagnata da un forte calo di consensi per il partito di governo. Questo ha acceso forti divisioni sul fronte interno, alimentando i dubbi sulla capacità politica di dare luogo alle riforme promesse.

Inoltre gli ultimi dati economici avevano evidenziato una forte contrazione nel primo trimestre, pari al 3,2%.
Sul sfondo ha agito la cosa più importante, ovvero le preoccupazioni per il perdurare della guerra commerciale USA-Cina (che penalizza anzitutto l'appeal dei mercati emergenti) e fino a venerdì anche quella USA-Messico.
La coppia USDZAR era così arrivata a 14,90 circa, ovvero i massimi dall'ottobre scorso.



Il rimbalzo


Questa settimana invece è arrivato un po' di ossigeno soprattutto dal fronte commerciale. L'accordo in extremis tra USA e Messico ha riacceso un po' di interesse degli investitori verso le valute emergenti.
Inoltre i dati macro hanno evidenziato una crescita molto più grande del previsto della produzione manifatturiera sudafricana. Quest'ultima è salita ad aprile del 4,6%, concretizzando la più grande crescita da giugno 2016 (quando giunse al 5,1%).




Questi fattori hanno stimolato la ripresa del Rand, che ha guadagnato circa l'1% contro il dollaro, riportandosi verso 14,7000. Pesa anche il fatto che i mercati stanno anche aumentando le aspettative circa un prossimo taglio dei tassi da parte della Federal Reserve, contribuendo a stimolare la domanda di attività dei mercati emergenti che offrono rendimenti più interessanti.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
7 a k 8 m 8
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto