valatilita-trading.jpg

Che cos'è la VOLATILITà: perché è importante e come usarla nel TRADING

Scritto da -

Trading e volatilità: significato e modo di sfruttare uno dei principali strumenti che misura il grado di rischio di un investimento

Quando sui mercati regna l'incertezza e si verificano turbolenze economiche, spunta fuori il concetto di VOLATILITA'.
Ma esattamente che cos'è la volatilità?
Cercheremo di spiegare il concetto nel modo più semplice e banale possibile, evitando formule e complesse indagini matematiche.


Definizione: che cos'è la volatilità


Possiamo dire che la volatilità è lo scostamento del prezzo (o del rendimento) rispetto al suo valore medio di un certo periodo. Tradotto in termini più semplici, si tratta dell'intensità con cui oscillano i prezzi degli asset finanziari: si dirà che è molto volatile quando il suo valore varia in modo repentino in un breve lasso di tempo.
Guardate ad esempio come è "isterico" l'andamento della coppia Dollaro-Lira Turca sulla piattaforma XM Group: prima c'è una impennata del cambio, poi un crollo e quindi una nuova risalita.
valute-volatili.jpg
La coppia Dollaro-Lira rientra in quelle ad alta volatilità.
Come vedremo in seguito la coppia Euro-Dollaro invece è una di quelle a minore volatilità, perché le sue oscillazioni di prezzo non sono mai così feroci.
Ma ci torneremo tra poco...


Volatilità e rischio dell'investimento


Chiarito che cos'è la volatilità, dobbiamo sottolineare che si tratta di un concetto molto importante, giacché si traduce in sostanza in un maggiore/minor rischio del proprio investimento. Un asset molto volatile è più rischioso: potrebbe procurarci forti guadagni, ma pure esporci a gravi perdite.
Al contrario, un asset a bassa volatilità è tendenzialmente più stabile e ha fluttuazioni di prezzo contenute.


Proprio per questo motivo, la volatilità di un asset finanziario DEVE ESSERE sempre tenuta in considerazione dagli investitori, in modo da gestire il rischio del proprio portafoglio.
Mescolando attività a maggiore e minore volatilità, i trader bilanciano il rischio complessivo (o almeno ci provano).


A ognuno la sua volatilità...


Esiste un valore assoluto più o meno "buono" di volatilità? NO, anche se è opinione diffusa parlare di bassa volatilità quando il prezzo oscilla del 3-4% l'anno, mentre di alta volatilità se il prezzo oscilla di oltre il 15-20%.


Tuttavia, come si vede dal grafico qui sotto, la volatilità cambia a seconda del tipo di asset (azioni, obbligazioni, valute, commodities).
Solitamente le azioni sono quelle a volatilità media più alta, e comunque molto più alta delle obbligazioni. Le criptovalute come Bitcoin raggiungono invece livelli di volatilità spaventosi.
volatilita-asset-class.jpg


A questo punto va fatta però una precisazione molto importante: all'interno dello stesso comparto azionario, esistono azioni a maggiore e minore volatilità. Settori storicamente più volatili di altri sono ad esempio quello farmaceutico o quello energetico, che possono avere titoli con una volatilità media anche del 35%.
Anche tra le coppie di valute ci sono quelle a maggiore o minore volatilità (se vuoi approfondire questo tema, ti suggeriamo di leggere l'articolo sulle coppie più volatili Forex).
Insomma, non si può mai fare di tutta l'erba un fascio.


Questo ci fa capire una cosa importante: per ridurre la volatilità complessiva del proprio portafoglio, l'investitore farebbe sempre bene a ripartirlo in un numero adeguato di strumenti diversi, possibilmente non correlati tra loro.



Il calcolo della volatilità


Non c’è un solo modo per calcolare la volatilità. Dipende anche dal fine che ci si propone.
A) La volatilità storica, si calcola sulla base dei dati storici, perché si ipotizza che nell'oscillazione di un prezzo ci sia in qualche modo una sorta di continuità tra passato, presente e futuro.
B) La volatilità attesa, si calcola per immaginare quale sarà verosimilmente la volatilità futura (tramite modelli matematico-statistici) e quindi il potenziale rischio che potremmo correre in futuro.


Sulle piattaforme di trading sono presenti diversi indicatori il cui scopo è proprio quello di darci una rappresentazione della volatilità.
Ti rimandiamo pertanto all'articolo dove si parla dei migliori indicatori di volatilità.


Conclusioni


Per quanto abbiamo detto in questo articolo, si sarà compreso bene quanto sia importante la volatilità per i trader. Ciò vale soprattutto per gli investitori che utilizzano strategie di trading intraday, ovvero coloro che operano sulle variazioni dei movimenti di prezzo di un asset nell’arco di brevi periodi temporali.
Se non ci fossero quelle piccole variazioni, non ci sarebbe nessun profitto.


Come abbiamo avuto modo di ribadire diverse volte, la elevata volatilità rappresenta un'occasione ma anche una grossa insidia. Ci espone infatti al rischio di maggiori perdite.
Precisiamo infine che il grado di rischio di un investimento non si misura soltanto con la volatilità, che è solamente uno dei modi per farlo. Sicuramente quello più conosciuto. Però non è sufficiente da sola per dare tutte le informazioni necessarie ma è un valido punto di partenza.
Buon trading!





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
a 6 Y 8 c 5
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto