petrolio.jpg

Il rally del petrolio spinge le commodity currencies. Corona NOK sugli scudi

Scritto da -

La Corona norvegese in questo avvio di settimana ha guadagnato quasi un punto percentuale sul dollaro
L'impennata del prezzo del petrolio ha messo le ali alle valute strettamente connesse all'oro nero, come Corona norvegese, dollaro canadese, ma pure rublo e peso messicano.

Il rally del petrolio


Se da un lato gli ultimi dati macro statunitensi - dal tenore misto - hanno frenato la marcia del dollaro USD, dall'altro alcune valute hanno ricevuto una forte spinta da quel che sta accadendo sul mercato petrolifero.
La recente escalation del conflitto civile in Libia, le sanzioni contro l’Iran e il Venezuela, l'avvicinarsi di una soluzione al conflitto commerciale Cina-USA e il taglio della produzione dell’OPEC, sono i principali fattori della crescita di Brent e WTI. Il tutto in barba alla forte accelerazione della produzione petrolifera a stelle e strisce.

Malgrado c'è chi vive questa fase con cautela (Goldman Sachs non vede fiammate dei prezzi che potrebbero portare le quotazioni del greggio a scavalcare la soglia dei 60-70 dollari al barile), il momento è senza dubbio dei "tori". Dopo un trimestre robusto (WTI +30%, Brent +19%), le quotazioni hanno di nuovo premuto sull'acceleratore, tanto che durante questa prima settimana di aprile, il WTI e il Brent si sono spinti oltre la soglia dei 60 dollari e 70 dollari.



Le commodities currencies corrono


Per effetto delle correlazioni economiche, di tutto questo ne hanno beneficiato le valute di quei paesi con un sistema economico fortemente collegato all'oro nero.
La Corona norvegese in questo avvio di settimana ha guadagnato quasi un punto percentuale sul dollaro (USDNOK a 8,535), mentre il Dollaro canadese ha guadagnato lo 0,60% contro il biglietto verde (USDCAD a 1,3303). Vola anche il Rublo Russo, che in questo avvio di settimana ha guadagnato lo 0,70% contro il dollaro americano (USDRUB a 64,705). Bene anche il peso messicano (USDMXN a 18,951, -0,62% da inizio settimana).




Il rovescio della medaglia è il crollo di quelle valute che sono inversamente correlate al petrolio. Esempio chiaro è la Rupia indiana, che ha avuto un brusco contraccolpo dal rally del petrolio.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
d 1 R 6 X 8
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto