dollaro-nzd-aud.jpg

Dollaro AUD e NZD in frenata, colpa dei dati deboli in arrivo dalla Cina

Scritto da -

A Pechino scendono sia export che import. Sono scese le valute più esposte all’andamento delle materie prime
Si accende una spia rossa in Cina, ed a farne subito le spese sono Dollaro australiano e neozelandese, ovvero due valute fortemente legate a ciò che succede dalle parti di Pechino.
I dati di inizio settimana confermano che l'economia cinese frena. In verità lo si era già capito da giorni, tuttavia settimana scorsa l'ottimismo riguardo ai negoziati con gli USA circa la guerra dei dazi, aveva distolto l'attenzione dalle "macro-preoccupazioni", tanto che lo Yuan aveva recuperato l'1,5% rispetto al dollaro.
Stavolta no.

A Pechino c'è stato un forte calo tanto delle esportazioni (a dicembre peggior risultato da due anni) quanto delle importazioni (-7,6%, mai così male da luglio 2016). La presenza della Cina sulle rotte del commercio internazionale è quindi calata, e questo chiaramente viene ricondotto alle tensioni scoppiate da diversi mesi con gli USA.
A completare il quadro fosco ci sono le vendite di auto, in calo per la prima volta dal 1990.



La frenata della seconda economia mondiale ha scatenato un po' di panico sui mercati. Oltre a mandare giù lo yuan, sono scese le valute più esposte all’andamento delle materie prime: il dollaro australiano AUD (del resto Pechino è il primo partner commerciale di Sydney) e neozelandese NZD (la Cina ha un ruolo fondamentale anche per l’interscambio con la Nuova Zelanda). Peraltro AUD e NZD sono anche indicatori della propensione al rischio globale, in calo anche quello.



La coppia AudUsd scende a 0,71964, interrompendo così una progressione cominciata dall'inizio del nuovo anno. Il cross NzdUsd invece viaggia in leggero ribasso a 0,68199, ma era sceso sotto lo 0,68 durante la mattinata.
Ricordiamo che la scorsa settimana sia l'australiano che il kiwi sono cresciuti di circa l'1,5 per cento rispetto al dollaro, tra le speranze di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
4 r 5 W 5 E
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto