dollaro-canadese-3.jpg

Banca del Canada prudente, l'anno comincia senza ritocchi ai tassi. USD-CAD stabile

Scritto da -

L'istituto centrale ha lasciato il tasso di interesse chiave invariato all'1,75%. Non sono attesi ritocchi nella prima parte del 2019
Il primo meeting del 2019 della Bank of Canada non ha regalato sorprese. Ieri l'istituto centrale ha infatti deciso di lasciare il tasso di interesse chiave invariato all'1,75%, dopo averlo alzato per ben 5 volte nel corso degli ultimi due anni.
Nulla che non fosse già ampiamente previsto dagli investitori, anche alla luce della situazione del momento.

Ci sono infatti diversi fronti di incertezza da monitorare. In primo luogo il conflitto commerciale USA-Cina, che sta avendo ripercussioni sull'economia globale e sul mercato delle materie prime.
In secondo luogo proprio il declino del prezzo delle materie prime e soprattutto il declino del prezzo del petrolio, che rappresenta circa il 10% delle esportazioni canadesi e che potrebbero pesare sull'economia canadese fino all'1,2% del PIL entro la fine del 2020.
Infine il previsto rallentamento della crescita canadese, che arriverà all'1,7% quest'anno prima del rimbalzo al 2,1% nel 2020.



Tutto questo spiega la prudenza della Bank of Canada, che in futuro si muoverà in base a come si evolveranno i dati macro. La banca centrale comunque sottolinea la necessità che il tasso venga aumentato nel corso del tempo verso il livello di neutralità, per mantenere l'inflazione in linea con gli obiettivi (a proposito, l'inflazione a dicembre era in ribasso all'1,7%, ma la Boc ritiene che centrerà l'obiettivo del 2% entro la fine del 2019).




Sotto il profilo valutario, il dollaro Canadese nelle ultime settimane ha guadagnato terreno contro il collega americano. Il cross UsdCad viaggia a 1,3237 (-1,26% nell'ultimo mese), anche se va sottolineata la pesante svalutazione avuta nel 2018 del CAD (circa 8%). Secondo un sondaggio di Reuter su oltre cinquanta analisti valutari, il Loonie si dovrebbe apprezzare rispetto alla controparte statunitense di circa il 3,6% nei prossimi 12 mesi.
La coppia EurCad viaggia invece a 1,5251, con un guadagno di 1,34 su trimestre.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
2 C 1 P 2 U
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto