dollaro-3.jpg

USA, dati sul lavoro molto positivi. Rimbalzo USD, ma solo temporaneo

Scritto da -

Sono stati creati 312mila nuovi posti di lavoro, quasi il doppio rispetto al rialzo di 176.000 unità previsto dal consensus
La prima sorpresa del nuovo anno arriva dai dati sul lavoro USA. Il report occupazionale di dicembre è infatti stato decisamente migliore delle attese. Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS) sono infatti stati creati 312mila nuovi posti di lavoro, quasi il doppio rispetto al rialzo di 176.000 unità previsto dal consensus.
In totale, l'economia statunitense ha prodotto 2,64 milioni di posti di lavoro nel 2018. E' la performance migliore dal 2015.

E' altresì cresciuta oltre le attese anche la retribuzione media oraria (3,2%, al ritmo migliore dall’aprile del 2009). Il tasso di disoccupazione è salito al 3,9%, ma rimane attorno ai minimi storici e questo incremento è soprattutto dovuto alla crescita del tasso di partecipazione al mercato del lavoro.



Questi dati hanno rimesso in ballo alcune convinzioni che si stavano formando sui mercati, riguardo la forza calante dell'economia USA, i timori di una prossima recessione e le incertezze sul percorso dei tassi da parte della FED. Ricordiamo che appena ieri l'Ism manifatturiero aveva evidenziato un crollo ai minimi dal 2008, facendo calare notevolmente le aspettative sulle prossime strette monetarie.

A fine dicembre - nonostante le forti critiche di Trump - la Federal Reserve di Jerome Powell aveva alzato i tassi sui fed funds Usa di un quarto di punto percentuale, al range compreso tra il 2,25% e il 2,50%.
Le aspettative su nuove strette erano decisamente calate negli ultimi giorni, ma questo report sull'occupazione potrebbe farle riemergere.
In linea di massima si ritiene che la banca centrale possa procedere a due aumenti dei tassi nel 2019, il primo dei quali a settembre prossimo.

Sul fronte valutario, il dollaro ha avuto un forte ma solo temporaneo rimbalzo subito dopo i dati sui NFP. La coppia EurUsd da 1,413 è precipitata a 1,340 per poi risalire la corrente di nuovo verso l'area 1,14.
Il cross GbpUsd è in aumento (1,2685) mentre l'UsdJpy guadagna terreno (108,303).


Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
U 8 f 4 w 5
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto