dollaro-australia-2.jpg

Verbali RBA, orientamento sempre più dovish. L'Aussie non trova la spinta

Scritto da -

I tempi di una stretta monetaria da parte della RBA si sono dilatati, molti economisti ipotizzano che non ci sarà alcuna mossa fino alla fine del 2020
La scorsa notte la RBA ha pubblicato le minute dell'ultimo meeting di politica monetaria, avvenuto a inizio dicembre. In quella circostanza l'istituto centrale australiano aveva deciso di lasciare i tassi all'1,5%, un livello minimo record dove si trova da agosto 2016.

Dai verbali emerge un atteggiamento più accomodante di prima. I responsabili del board hanno mostrato preoccupazione per l'inasprimento del credito, l'alto livello di indebitamento e la marcia al rilento dei consumi.
Ciononostante, i membri della RBA hanno continuato a credere che un aumento dei tassi resti più probabile che non un taglio. Fermo restando però che al momento non ritenevano esserci ragioni valide per un aggiustamento a breve termine della politica monetaria.



Va però aggiunto che i responsabili delle politiche avevano previsto una crescita economica nel terzo trimestre di quest'anno superiore al 3%, mentre il rapporto pubblicato il giorno dopo dall'Australian Bureau of Statistics ha mostrato una crescita del 2,8%. questo fa ritenere che il prossimo meeting sarà probabilmente ancora più accomodante.
I tempi di una stretta monetaria da parte della RBA si sono dilatati, e molti economisti ipotizzano che non ci sarà alcuna mossa fino alla fine del 2020.

Tutto questo non ha smosso granché il Dollaro australiano (AUD), che guadagna lievemente terreno contro il dollaro (AudUsd) ma rallenta contro l'euro (EurAud), lo yen giapponese e il dollaro neozelandese (AudNzd).




Va aggiunto che da un po' di tempo sta pagando la limitata propensione al rischio sui mercati. L'AUD nell'ultimo mese ha infatti perso oltre un punto percentuale sia contro l'euro che contro il dollaro, e non riesce a trovare un motivo di spinta.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
3 Q e 6 f 6
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto