trump.jpg

Trump striglia la FED ("Non alzi i tassi") e il dollaro va in frenata. EUR-USD a 1,134

Scritto da -

La FED mercoledì annuncerà le proprie decisioni sui tassi di interesse, con un probabile quarto ritocco per il 2018
All'inizio della settimana in cui i mercati concentrati sull'imminente meeting della FED, ecco un'altra entrata a gamba tesa da parte di Donald Trump nei confronti della banca centrale americana. "Non deve alzare i tassi", ammonisce il presidente, creando un po' di tensione che sul mercato valutario ha finito per appesantire il dollaro.

Come spesso succede, Donald Trump ha affidato a Twitter il suo pensiero al veleno: "E' incredibile che con un dollaro forte e nessuna inflazione almeno virtualmente, la Fed stia solo considerando un altro aumento dei tassi di interesse". Già mercoledì scorso aveva espresso un concetto simile.



La FED mercoledì annuncerà le proprie decisioni sui tassi di interesse, con un probabile quarto ritocco per il 2018. Però quello che interessa di più ai mercati è conoscere il punto di vista di Jerome Powell circa il futuro programma di ritocchi.
Di quei tre rialzi in programma nel 2019 forse ne rimarranno solo due, ma il mercato comincia a ipotizzare che solo uno potrebbe essere sicuro, mentre gli altri chissà...

A creare delle perplessità sono soprattutto i forti timori sull’andamento dell’economia Usa, in palese rallentamento. E adesso ci si mette pure il braccio di ferro tra Trump e FED. Uno vuole mettere sotto pressione l'altra, che a sua volta rivendica la propria totale indipendenza dal potere politico.

In tutto questo chi ne ha fatto subito le spese è stato il dollaro, che sul mercato valutario ha vissuto una generale correzione nei confronti delle principali divise.




Il cambio EURUSD è tornato oltre 1,134 (da un massimo iniziale di 1,199). Circa l'Eurozona va rimarcato che l'inflazione dei prezzi al consumo a novembre ha attenuato più di quanto inizialmente stimato.
Il cross USDJPY è invece sceso a 112,75. La sterlina/dollaro (GbpUsd) è salita mentre il dollaro/franco (UsdChf) è sceso.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
1 u 8 a 3 n
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market
pip-forex-cosa-e.jpg
Scopriamo il concetto di trading PIPS: significato, dove trovare un calcolatore di valore e come utilizzare correttamente questo concetto