rupia-3.jpg

Rupia indiana stabile dopo la "non" decisione della RBI. USD-INR a 70,65

Scritto da -

La Reserve Bank of India (Rbi) ha deciso di non ritoccare i tassi di interesse lasciandoli al 6,50%
Con una decisione unanime (6 membri) e largamente prevista dai mercati, la Reserve Bank of India (Rbi) ha deciso di non ritoccare i tassi di interesse lasciandoli al 6,50%, anche se ha confermato l'intenzione di proseguire sul sentiero di un “restringimento calibrato” della politica monetaria. A giugno e agosto l'istituto centrale aveva operato una doppia stretta di 50 pb complessivi.

Le motivazioni della RBI affondano soprattutto nel rallentamento dell'inflazione e della crescita.

Sotto il primo aspetto la banca centrale ha tagliato la proiezione al 2,7-3,2% entro fine marzo, rispetto al 3,9-4,5% visti in precedenza (calo dovuto alla diminuzione dei prezzi alimentari e del petrolio). Il target è compreso tra 2-6%. La RBI ritiene comunque che ci sarà una ripresa fino al 3,8-4,2% nella prima metà dell’anno fiscale 2019/20. Inoltre i responsabili delle politiche hanno ribadito l'impegno della banca nel raggiungere l'obiettivo a medio termine dell'inflazione primaria del 4% su base duratura.



Il secondo motivo di preoccupazione della RBI è la crescita rallentata, e quindi la necessità di dare ancora stimolo all’economia. Secondo la RBI le sue previsioni di crescita per l’anno fiscale 2018/19 scendono al 7,4%. Riguardo ai rischi per l’economia nazionale, la banca centrale dell'India li ha identificati nelle “crescenti tensioni commerciali, l’inasprimento delle condizioni finanziarie globali e il rallentamento della domanda globale”.

Sotto il profilo valutario, la decisione della RBI non ha mosso granché la Rupia. La valuta indiana si è deprezzata leggermente contro il dollaro (la coppia UusInr a 70,650 dollari) e contro l'euro (la coppia EurInr è al livello 80,016).

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
6 n 1 z 5 f
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market