draghi.jpg

EURO su e giù. L'Italia dà la spinta ma Draghi e i dati macro frenano gli entusiasmi

Scritto da -

A metà mattinata l’euro scambiava a 1.377 contro il dollaro ma poi ha bruciato tutti i guadagni
L'effetto Italia è durato poco, giusto il tempo di una mattinata e poi l'euro ha perso i guadagni nei confronti del dollaro. L'avvio di settimana sembrava positivo per la valuta unica, che ha beneficiato del clima di ottimismo grazie all’apertura del governo italiano alla UE riguardo la questione deficit/Pil.
La coalizione di governo italiana potrebbe ridurre l'obiettivo del deficit di bilancio del prossimo anno a un minimo del 2% del prodotto interno lordo per evitare l'azione disciplinare di Bruxelles.

A metà mattinata l’euro scambiava a 1.377 contro il dollaro, in salita dello 0,3%. La valuta unica peraltro si dimostrava tonica anche contro le altre principali monete mondiali (anche per via dell'accordo con Londra circa Brexit).



Di lì a poco però lo scenario è cambiato. In primo luogo dopo la pubblicazione dei dati macro sulla fiducia delle imprese tedesche, diminuita più del previsto a novembre. Poi il capo-economista della Bce (Peter Praet) ha riconosciuto che lo slancio della crescita dell’Eurozona si è un po’ affievolito, mentre si fanno minacciosi alcuni ostacoli come il protezionismo e la volatilità dei mercati finanziari.
Infine ha parlato anche il presidente della BCE Mario Draghi, che ha riconosciuto anch'egli il rallentamento della crescita nella Eurozona: "I dati disponibili dalla mia ultima visita a settembre sono stati più deboli delle attese. Un graduale rallentamento è normale mentre l'espansione matura e la crescita converge verso il potenziale di lungo termine. Parte del rallentamento può essere anche temporaneo”, ha detto il capo della Bce.

La valuta unica è così scivolata verso 1.330 (EurUsd), bruciando di fatto tutti i guadagni contro il biglietto verde.



Gli investitori adesso sono focalizzati sul discorso di mercoledì da parte del presidente della Federal Reserve Jerome Powell e sulla pubblicazione (giovedì) delle minute dalla riunione della Fed del 7-8 novembre. Da ciò dovrebbero giungere ulteriori indicazioni su quante più volte la banca centrale degli Stati Uniti è suscettibile di aumentare gli interessi aliquote nel prossimo anno.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo le lettere (case sensitive)
5 f 9 k 3 q
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market