peso.jpg

Messico, l'effetto rialzo dei tassi (8%) è già finito: MXN in calo contro USD ed EUR

Scritto da -

Nell'ultimo triennio l'istituto centrale messicano ha operato rialzi per complessivi 500 punti base, portando il tasso di interesse dal 3% all'8%
Nel meeting di novembre la Banxico ha deciso - come da previsioni - di alzare il costo del denaro portandolo all'8%. Un incremento di 25 punti base che non è stato deciso all'unanimità, visto che un membro del Consiglio avrebbe preferito un incremento più sostanzioso (50 pb). Nell'ultimo triennio l'istituto centrale messicano ha operato rialzi per complessivi 500 punti base, portando il tasso di interesse dal 3% all'8%.

La decisione presa ieri è stata adottata per via della svalutazione del peso messicano (fattore comune anche con le altre valute emergenti) e dell'evoluzione rialzista dell'inflazione, il cui quadro si è deteriorato dall'inizio del periodo estivo (attualmente è al 4,90%, ampiamente sopra l’obiettivo del 3%). Secondo la Banxico anche l'azione politica del nuova presidente Andres Manuel Lopez Obrador (che è stato eletto a luglio ma si insedierà il 1 dicembre) potrebbe influire sulle condizioni macroeconomiche del paese. Per questo motivo occorre una politica monetaria cauta e in grado di favorire produttività, investimenti e generare un clima di fiducia tra gli investitori.



Dopo la decisione della Banxico, il peso messicano si è apprezzato contro il dollaro americano (UsdMxn), scendendo fino a 20.30 (ma poi è risalito di nuovo). Tuttavia il bilancio settimanale parla ancora a favore della valuta americana (1%) per non parlare di quello mensile (+8.44%).
Rispetto all'euro il cammino è analogo. Il lieve guadagno del peso ha spinto la coppia EurMxn a 23.04, ma nell'ultimo mese il cambio si è apprezzato del 6.11%.




Anche se la mossa dell'istituto centrale messicano ha dato sostegno al peso, nel medio periodo restano delle preoccupazioni circa le prospettive macroeconomiche. Inoltre ci sono alcuni fattori sia interni che esterni che potrebbero provocare ulteriori cali del peso, specialmente a partire da dicembre quando comincerà il nuovo corso politico e al tempo stesso la FED potrebbe proseguire nel percorso di aumento dei tassi.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
5 r 1 G 7 Y
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market