petrolio.jpg

Petrolio in caduta libera. Brent e WTI hanno bruciato il 20% in poche settimane

Scritto da -

E' stata decisamente passata la soglia della correzione, finendo per entrare in una fase ribassista di mercato
Dopo un lungo ed entusiasmante rally, per il petrolio è arrivato il tracollo. Impensabile soltanto un mese fa, quando (dopo aver raggiunto i massimi da 4 anni) addirittura si discuteva della possibilità che l'oro nero potesse giungere ai 100 dollari al barile.

E invece lo scenario è cambiato. Dal picco di ottobre sia Brent che WTI sono precipitati di circa il 20%, ed entrambi hanno infranto al ribasso due soglie psicologiche di grande rilevanza. Il Brent è sceso anche sotto i 70 dollari, il WTI sotto i 60 (dopo 10 sedute di ribasso consecutive, cosa che non accadeva dal 1984). E' stata quindi decisamente passata la soglia della correzione, finendo per entrare in una fase ribassista.




Il problema è sempre lo stesso, l'eccesso di offerta sul mercato. Chi riteneva che le sanzioni all'Iran avrebbero arginato in parte questa situazione si sbagliava (anche perché le sanzioni anziché azzerare le esportazioni le hanno solo contenute). Come si sbagliava chi riteneva improbabile un aumento rapido dell'offerta USA, che invece è giunta al livello record di 11,6 milioni di barili al giorno. Inoltre c'è la seria prospettiva che presto anche l'Iraq potrebbe riavviare le esportazioni dal giacimento di Kirkuk (altri 200-400mila barili al giorno). Ci si aggiunga pure l'inondazione di petrolio russo e saudita... e il gioco è fatto.



Proprio i due Paesi starebbero adesso valutando una marcia indietro tramite un ritorno ai tagli di produzione. Ma siamo ancora in alto mare visto che le stesse compagnie russe non sono molto propense all'idea.
Anche Donald Trump s'è mostrato in disaccordo via Twitter: "L'Arabia Saudita e l'Opec non dovrebbero tagliare la produzione di petrolio. I prezzi del greggio dovrebbero essere molto piu bassi sulla base delle forniture!?", ha scritto l'inquilino della Casa Bianca.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
z 6 A 4 f 6
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market