dollaro-nuova-zelanda-2.jpg

Dollaro neozelandese in rally (NZD-USD +5% in un mese) ora che la RBNZ sembra più hawkish

Scritto da -

Nell'ultima riunione la Reserve Bank of New Zealand ha deciso di lasciare i tassi di interesse ai minimi dell'1,75%. Ma nel 2019 potrebbe cambiare...
L'inizio di novembre è stato molto positivo per il dollaro neozelandese, che ha spinto fino a giungere verso i massimi toccati ad agosto scorso. Questo nonostante la Reserve Bank of New Zealand abbia deciso di lasciare invariati i tassi di interesse ai minimi dell'1,75%.
La banca centrale è dal novembre del 2016 che non tocca il costo del denaro (all'epoca ci fu un taglio di 25 punti base), e anche stavolta ha ribadito che non intende farlo prima del 2020.

Fino a pochi mesi fa il mercato sembrava orientato più ad un nuovo taglio del tasso che non a un rialzo. Tuttavia il tono con cui è stata accompagnata l'ultima decisione di politica monetaria sembra molto più hawkish che nel recente passato.
Anzitutto è sparita l'indicazione che il prossimo ritocco "potrebbe essere sia verso l'alto sia verso il basso", come a fare intendere che adesso c'è un orientamento più chiaro su dove si andrà. Se questo si somma al giudizio positivo sulle prospettive economiche future, vien fuori che la RBNZ potrebbe davvero operare una stretta monetaria già nel 2019.



L'istituto centrale di Wellington ha parlato di crescita più rapida sia quest'anno che in seguito, di miglioramento del mercato del lavoro (ha raggiunto il suo "massimo livello sostenibile") e di buone previsioni di inflazione. Inoltre il governatore Orr ha sottolineato come la svalutazione del Dollaro neozelandese quest'anno darà sostegno all'economia, rendendo le esportazioni più competitive.

Sul fronte valutario, la conferma di un sentiment più hawkish che spira attorno alla RBNZ ha messo le ali al dollaro neozelandese. Dall'inizio di novembre infatti lo NZD ha marciato spedito contro il dollaro USA e contro l'euro.
La coppia Nzd-Usd ha guadagnato più del 5% nell'ultimo mese, giungendo a quota 0.673 (dopo aver toccato i massimi da inizio agosto). Va però ricordato che dall'inizio dell'anno il cross Nzd-Usd è però in calo del 4,25%.



Anche nei confronti dell'euro c'è stato un forte slancio. A inizio ottobre la coppia EurNzd quotava 1.79, mentre attualmente siamo sugli 1.68. Nell'ultimo mese la valuta neozelandese ha guadagnato quasi il 6% contro quella unitaria.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
6 e h 7 c 1
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market