dollaro-australia.jpg

Aussie in calo come la propensione al rischio: AUD sui minimi di 33 mesi contro l'USD

Scritto da -

La coppia AudUsd sta testando ripetutamente il supporto fortemente psicologico di 7.00
Si chiude male la settimana del dollaro australiano, che ha toccato un minimo di 33 mesi contro l'USD in seguito ad un peggioramento del sentiment degli investitori. Infatti la valuta australiana è una cartina al tornasole della propensione al rischio che c'è sui mercati. E in questo momento c'è molta incertezza.

Sono infatti diversi i rischi persistenti: le tensioni per la guerra commerciale, le preoccupazioni per il budget italiano, le incertezze geopolitiche e le preoccupazioni per gli utili societari Usa in calo. In special modo la valuta australiana risente soprattutto della guerra commerciale USA-Cina, che potrebbe avere delle ripercussioni sempre più forti sulla sua economia.



Va ricordato che nel corso dell'ultima riunione di politica monetaria, la RBA ha continuato ad assumere un atteggiamento attendista, lasciando il costo del denaro al minimo storico dell'1,5%, senza sbilanciarsi riguardo alle sue prossime mosse. Secondo l'istituto centrale il basso livello dei tassi sta sostenendo l'economia, e la crescita del Pil si attesterà in media al di sopra del 3% nel 2018 e nel 2019. I mercati stimano attorno al 40% le probabilità di un rialzo dei tassi entro la fine del 2019.

Sul mercato valutario l'Aussie ha continuato a perdere terreno sul dollaro, cosa che ormai succede da metà settembre. La coppia AudUsd sta testando ripetutamente il supporto fortemente psicologico di 7.00, anche se nel pomeriggio è riuscito a risollevarsi e recuperare il terreno perduto nella sessione di venerdì.



Rimane invece sostanzialmente stabile la coppia EurAud, che marcia attorno quota 1,60 dopo aver superato 1.16 nella mattinata.

In settimana ci sarà molto interesse attorno ai dati sull'inflazione australiana e quelli sulle retribuzioni (quest'ultimo il 14 novembre). Un innalzamento dell'inflazione è la chiave per un'eventuale ripresa del AUD, perché la banca centrale non può aumentare il tasso di interesse fino a quando le pressioni sui prezzi non mostrano segni di ripresa.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
2 A n 7 f 5
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market