dollaro-3.jpg

USA, i dati sul lavoro sono blandi. Il dollaro oscilla ma resta stabile (Eur-Usd a quota 1.15)

Scritto da -

I posti di lavoro sono infatti cresciuti solo di 134.000 unità, a fronte dei 185mila attesi. Si tratta del dato peggiore registrato in un anno
I numeri del lavoro USA non regalano al dollaro lo sprint che molti si aspettavano. Se è vero che la disoccupazione è scesa al minimo di 49 anni (3,7%), il Bureau of Labour Statistics evidenzia pure che la crescita dell'occupazione ha rallentato a settembre, forse risentendo del passaggio dell'uragano Florence (che ha colpito la Carolina del Sud e del Nord a metà settembre).

I posti di lavoro sono infatti cresciuti solo di 134.000 unità, a fronte dei 185mila attesi. Si tratta del dato peggiore registrato in un anno.
Inoltre la dinamica salariale rimane stabile. La paga media oraria è cresciuta dello 0,3%. L’incremento annuo è del 2,8%, in leggero calo dal 2,9% di agosto. La crescita dei salari rimane sufficiente per mantenere l’inflazione intorno al livello del 2%, il benchmark della Fed. Ricordiamo che le retribuzioni medie orarie sono monitorate con attenzione dalla Federal Reserve in quanto buon indicatore sia dello stato di salute del mercato del lavoro che delle pressioni inflazionistiche.



Subito dopo la pubblicazione del report il dollaro ha fatto su e giù sul mercato valutario: prima è sceso, poi è balzato in alto per poi ridiscendere di nuovo. Alla fine gli investitori hanno accolto con delusione il dato sui Non Farm Payrolls (NFP). Il motivo è che si sono raffreddate le aspettative sulla tabella di marcia delle strette monetarie da parte della FED. Resta ancora molto probabile una nuova stretta a dicembre e poi ancora nei mesi successivi, ma c'è meno entusiasmo di prima.

Dopo la pubblicazione della statistica, l'euro è balzato ai massimi di seduta di 1.1538 dollari, dopo aver toccato un minimo a 1.1484. La coppia rimane comunque attorno quota 1.15.



Il biglietto verde opera una lieve discesa contro lo Yen giapponese (UsdJpy a 113.70) e rimane stabile contro il franco svizzero (UsdChf a 0.991).

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
Y 6 Y 7 H 6
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market