fed-2.jpg

La FED alza i tassi al 2,25% e ne programma un altro a dicembre. EUR-USD fa su e giù

Scritto da -

A dicembre ci dovrebbe essere un ulteriore aumento dei tassi di interesse. Tre ritocchi in programma l'anno prossimo
Non giungono sorprese dalla riunione odierna della FED. La banca centrale statunitense ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base, portandoli tra il 2,00% e il 2,25%. Si tratta del terzo ritocco al rialzo operato dalla banca centrale Usa dall’inizio di quest’anno, dopo quelli di marzo e giugno. La decisione è stata presa con il voto unanime dei componenti del FOMC.

Nel bollettino la FED ha incrementato la stima di crescita del Pil per il 2018, portandola dal 2,8% al 3,1%. Lo stesso bollettino ha segnalato la possibilità di procedere con ulteriore aumento dei tassi di interesse nel corso del 2018 (verosimilmente a dicembre), a cui dovrebbero aggiungersene altri tre l’anno successivo. A fine 2019 il saggio di riferimento dovrebbe quindi superare il 3%.
Le critiche del presidente Donald Trump alla stretta in corso sui tassi non sono state quindi ascoltate.

La diagnosi dell'economia americana è rimasta immutata rispetto ad agosto. Il mercato del lavoro è solido, il tasso di disoccupazione è basso, le spese delle famiglie e gli investimenti continuano a crescere e l’inflazione resta vicina all’obiettivo del 2%.



Ha colpito molto gli investitori la scomparsa dal comunicato ufficiale della parola "accomodante" in merito alla politica monetaria. Tuttavia il presidente Jim Powell in conferenza stampa ha spiegato che ciò non comporta un cambiamento nella politica monetaria, che resta... ancora accomodante.
Un passaggio importante del discorso di Powell è quello sul protezionismo. Ha infatti detto che un mondo protezionistico potrebbe generare risultati negativi per gli Stati Uniti e anche per le altre economie mondiali. Tuttavia al momento gli effetti delle misure annunciate sembrano limitati.

Gli effetti sul dollaro si sono riflessi in un'alta volatilità, che però ha prodotto variazioni complessivamente blande. L'EurUsd è volato sino ad avvicinarsi a quota 1.18 in prima serata, ma poi è sceso rapidamente fino a 1.173.



Dopo una iniziale impennata oltre quota 113.00, la coppia UsdJpy invece ha imboccato la via della discesa fino a 112.65.
Anche il cross GbpUsd s'è mosso in modo isterico durante le fasi clou della serata. Prima è schizzato oltre quota 1.320 ma poi dopo una discesa rapida è risalito fino a stabilizzarsi verso 1.317.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
5 D T 9 X 8
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market