corona-svezia.jpg

Svezia, il flop dell'inflazione ha appesantito la Corona. Eur-Sek a 10.51

Scritto da -

L'inflazione ad agosto è scesa al 2% ovvero al livello del target, ma quella core è scesa all'1,2% (dall'1,3% di luglio)
Non sono giunte notizie positive per la Svezia durante la settimana. Secondo gli ultimi dati infatti, l'inflazione ad agosto è scesa al 2% ovvero al livello del target, e quella core è scesa all'1,2% (dall'1,3% di luglio). Sono andate deluse non solo le attese del mercato, ma anche le previsioni della Riksbank (pubblicate solo la scorsa settimana). Cosa ancora più pesante, per la settima volta su otto di quest'anno, le previsioni di inflazione core della Riksbank si sono rivelate troppo ottimistiche.

Oltre al calo dell'inflazione, l'istituto centrale svedese deve fare anche i conti con la revisione al ribasso sulla crescita del PIL, dal 3,3% previsto al 2,5%. Una situazione che non aiuta di certo la banca svedese a rispettare la propria tabella di marcia, che prevede un rialzo dei tassi entro fine anno o al massimo a gennaio 2019 (attualmente sono al -0,5%). Ma tenuto conto del calo dell'inflazione, qualcuno comincia a dubitare che ciò accadrà.



C'è poi la questione politica a tenere tutti sulle spine. A inizio settembre si è votato per rinnovare il Parlamento, e dalle urne è venuta fuori una situazione di equilibrio tra i due poli, con i Democratici Svedesi (destra anti UE) in mezzo a fare da ago della bilancia, e in ogni caso le trattative per la formazione del governo saranno probabilmente lunghe e complesse.
Sulla questione c'è chiaramente anche l'occhio di Bruxelles, che spera in un governo abbastanza forte da reggere gli urti euroscettici.

Tutto questo inevitabilmente pesa sull'umore degli investitori. La corona svedese si è indebolita bruscamente dopo i dati sull'inflazione, quando per tutta la settimana era andata benone per il sollievo dovuto alla mancata affermazione dei Democratici anti-euro (timore che aveva spinto il cambio EurSek fino a 10.72 a fine agosto). La coppia con l'euro era scivolata verso quota 10.41 nella giornata di lunedì, ma poi è rimbalzata di nuovo verso i 10.51 venerdì.


Non è andata diversamente alla coppia UsdSek che era scivolata fino a 8.93, ma dopo i dati sull'inflazione è schizzata nuovamente oltre quota 9.00.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi la prima e l'ultima lettera (case sensitive)
6 d 7 P 8 f
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market