yuan.jpg

Cina, inflazione ai massimi di 6 mesi. Lo Yuan regge, ma resta il macigno della guerra commerciale

Scritto da -

Lo Yuan continua ad essere stabile da alcune settimane contro il dollaro (UsdCny) verso quota 6.84 dopo un bimestre terribile
La guerra commerciale con gli USA continua ad essere il tema dominante riguardo alla Cina. Il ministero degli esteri di Pechino ha avvertito che la Cina risponderà se gli Stati Uniti continueranno a varare nuovi dazi sul commercio, rispondendo a Donald Trump che si era detto pronto a rincarare la dose di tariffe su praticamente tutte le importazioni cinesi negli Stati Uniti (minacciando dazi su $ 267 miliardi di beni oltre alle tariffe pianificate per $ 200 miliardi).
Peraltro adesso c'è il timore ulteriore di un allargamento della guerra commerciale anche al Giappone, aggiunto da Trump alla lista dei paesi con i quali l’amministrazione americana ha deciso di aprire un contenzioso commerciale.

In questo quadro, sono stati resi noti i dati ufficiali sulle esportazioni cinesi, che sono stati sorprendentemente resistenti. La crescita ha superato le aspettative degli analisti. In agosto infatti c'è stato un surplus di 27,91 miliardi di dollari, ed anche se esso è calato di poco rispetto ai 28,05 miliardi di luglio, per il quinto mese di fila c'è un surplus (dopo il deficit di 4,98 miliardi registrato a sorpresa in marzo). Lo scorso mese le esportazioni sono cresciute del 9,8% annuo contro l'incremento del 20,0% dell'import.
L'avanzo commerciale della Cina con gli Stati Uniti ha raggiunto il record di 31,1 miliardi di dollari ad agosto, nonostante le dispute commerciali. Dati che non faranno certo piacere all'amministrazione americana.



Oggi è stato il turno dei dati sull'inflazione, che ha accelerato oltre le aspettative fino al 2,3% (ai massimi da febbraio), mentre l'inflazione dei prezzi alla produzione si è attenuata (4,1%) riflettendo la debole domanda interna.
Anche se è improbabile che i dati interrompano l'ulteriore easing mirato, fornisce ulteriori motivi per la PBoC di evitare un ampio allentamento della politica.

Sul fronte valutario, lo Yuan continua ad essere stabile da alcune settimane contro il dollaro (UsdCny) verso quota 6.84, cosa non da poco visto che nel precedente bimestre aveva perso quasi il 7%, sui timori di una possibile fuga di capitali che avrebbe messo a dura prova l'economia cinese. Stesso discorso per lo Yuan offshore (UsdCnh)


Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
L 4 e 5 C 1
Strategie

confronto-reali-forex.jpg
IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market