dollaro-nuova-zelanda-4.jpg

Inflazione, guerra dei dazi e politica della RBNZ: ecco cosa sta spostando l'NZD

Scritto da -

La RBNZ ha più volte ribadito che manterrà un'impronta espansiva ancora a lungo. Prossimo meeting a inizio agosto
Dopo un periodo molto complicato, il Dollaro Kiwi è riuscito a chiudere questa settimana con un moderato apprezzamento rispetto tanto al dollaro quanto all'euro, grazie soprattutto alle uscite di Trump che hanno zavorrato il biglietto verde.
Eppure l'avvio non era stato dei migliori, visto che il dato sull'inflazione aveva deluso le aspettative. Il report ha evidenziato che l'indice dei prezzi al consumo si è fermato all'1,5% a fronte dell’1,6% previsto.
Tuttavia il quadro iniziale si è rovesciato quando il dato di fondo (1,7%) ha evidenziato la migliore performance dal 2011.

Questi dati comunque non modificano le prospettive della RBNZ, che ha più volte ribadito che manterrà un'impronta espansiva ancora a lungo, tenuto anche contro che l'inflazione non ha ancora centrato il target del 2% e che secondo le proiezioni potrebbe raggiungerlo solo nel quarto trimestre del 2020. Il board dell'istituto centrale si riunirà a inizio agosto (il costo del denaro è fermo al minimo di 1,75% da novembre 2016) ma molti ritengono che la RBNZ rimarrà bloccata sui tassi fino al terzo trimestre 2019.



Il differente orientamento di politica monetaria di FED e RBNZ, ma soprattutto le evoluzioni della guerra commerciale stanno incidendo sull'andamento del Dollaro Neozelandese (l'economia neozelandese è fortemente legata alla Cina e alle materie prime). Proprio questi due driver hanno causato le forti oscillazioni dell'ultima settimana per l'NZD, che però è riuscito a chiudere con un modesto apprezzamento sia contro il dollaro (NzdUsd) che contro l'euro (EurNzd).



Ampliando il quadro, possiamo notare che la coppia NzdUsd ha perso oltre il 5% nel corso dell'ultimo trimestre, da quando cioè violò il supporto chiave a quota 0.7200. Da allora è scivolata fino a toccare quota 0.6670 - mai così basso dal 2016 - prima di risalire leggermente la china.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
1 V d 6 k 6
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market