dollaro-3.jpg

Dollaro in calo dopo i dati sul lavoro (NFP). EUR-USD verso 1.175

Scritto da -

La crescita dei posti di lavoro è migliore delle attese, ma i salari deludono. Preoccupa la tensione USA-Cina
Scivola ai minimi di tre settimane il dollaro USD, dopo l'atteso rilascio dei dati sul lavoro. I Non Farm Payrolls hanno mostrato che l'economia degli Stati Uniti ha creato più posti di lavoro del previsto a giugno, ma la crescita dei salari (che è un indicatore dell'inflazione) è stata minore delle previsioni e il tasso di disoccupazione è aumentato.

Partiamo dai dati. Il dipartimento del lavoro ha evidenziato l'aumento di 213.000 posti il ​​mese scorso (contro i 200mila previsti). Il tasso di disoccupazione però è salito al 4,0% (rispetto al 3,8% di giugno). Come detto, le perplessità maggiori sono nate dai salari orari medi che sono aumentati solo di 5 centesimi, ovvero dello 0,2% a giugno dopo l'aumento dello 0,3% a maggio.



Questi dati hanno solo continuato a spingere il biglietto verde lungo quel percorso al ribasso che era già stato intrapreso sin dal mattino.
A causarlo le tensioni sempre più forti tra Stati Uniti e la Cina, che hanno imposto tariffe sulle rispettive importazioni (34 miliardi di dollari). Non sono tanto le misure appena annunciate a preoccupare i mercati, quanto il fatto che si viaggia verso una guerra sempre più aspra, e ciò potrebbe causare volatilità nei mercati finanziari globali.

L'indice del dollaro (DXY) è in calo verso 94,008. Rispetto all'euro, il biglietto verde perde oltre mezzo punto percentuale (EurUsd a 1.1758).


Contro lo yen (UsdJpy) il dollaro è scivolato di circa lo 0,2% a 110,40. Più sostenuto il deprezzamento contro la sterlina (GbpUsd) visto che il cross segna 1.3277 (+0,4%).
I prezzi dei Fed Funds incorporano una possibilità del 77% di rialzo dei tassi a settembre, mentre prima del rilascio dei dati sul lavoro erano all'80%.

Vedi tutte le news su:





  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
1 X 8 z 6 L
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market