dollaro-nuova-zelanda-4.jpg

La RBNZ lascia i tassi ancora fermi all'1,75%. Dollaro kiwi (NZD) in discesa contro EUR e USD

Scritto da -

La banca centrale della Nuova Zelanda conferma l'approccio attendista di politica monetaria. Pesa soprattutto la debole inflazione
La RBNZ ha confermato ancora una volta il tasso di interesse al 1,75%, come era ampiamente nelle previsioni. L'istituto centrale della NeoZelanda rimane così fermo al tasso deciso a novembre 2016, come del resto aveva già preannunciato il governatore Adrian Orr: "Rimarremo accomodanti per un periodo considerevole di tempo".

Le motivazioni di questa scelta sono le solite. Anzitutto l'inflazione rimane ancora molto bassa (all'1,1% annuo) anche se la RBNZ prevede che possa esserci una ripresa nel secondo semestre dell'anno (il target è al 2%). In secondo luogo la necessità di sostenere l'occupazione.



Le ore immediatamente precedenti alla decisione della RBNZ hanno visto il dollaro neozelandese in grossa difficoltà, anche a seguito di relazioni macroeconomiche miste sulla bilancia commerciale (al livello più alto dal dicembre 2017) e sulla fiducia delle imprese (peggiorata).

La coppia NzdUsd è scesa sotto quota 0.68, scambiando sui minimi da luglio 2017 (-4% nell’anno in corso). Pesa lo sprint del dollaro, dopo che Trump ha messo un piccolo freno al clima di guerra commerciale con la Cina.



Il Dollaro neozelandese ha vissuto un buon inizio dell'anno quando è salito di oltre il 5% rispetto al dollaro USA. Tuttavia le prospettive sempre più negative per la politica monetaria hanno spinto il Kiwi in discesa del 7% contro il dollaro dalla fine di aprile.

Dollaro neozelandese in difficoltà anche contro l'euro. La coppia EurNzd viaggia in orbita 1.700 e solo una volta nelle ultime 9 sedute ha chiuso con un apprezzamento del NZD.

Vedi tutte le news su:




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
P 9 a 1 L 1
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Scegliere il broker che offre un bonus senza deposito significa partire già con un profitto. Ma poi spetta a te sfruttarlo...
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market