fed.jpg

Usa, rialzo dei tassi a 1,75-2%. La FED apre al quarto ritocco nel 2018

Scritto da -

La Fed rivede al rialzo il numero di aumenti dei tassi per il 2018. Trump intanto minaccia dazi pesanti contro la Cina
Come era ampiamente prevedibile, la Fed ha deciso di alzare i tassi di interesse di un quarto di punto, per la seconda volta da quando il nuovo presidente è Jerome Powell. Il costo del denaro sale così in una forchetta fra l'1,75% e il 2,00%.

La cosa più interessante però non è l'aumento di oggi, che come detto era già previsto e prezzato dai mercati, ma il fatto che la Fed ha anche rivisto al rialzo il numero di aumenti dei tassi di interesse per il 2018. Le strette monetarie infatti saranno 4 e non solo le 3 finora previste.
I membri del FOMC infatti si sono mostrati più ottimisti sul futuro andamento del costo del denaro e hanno modificato i cosiddetti 'dot plot' che accompagnano il comunicato finale con le decisioni di politica monetaria.



La FED per il 2018 si aspetta una crescita economica del 2,8% (dal 2,7% precedente). Riviste al ribasso invece le stime sulla disoccupazione dell’anno in corso, che dovrebbe attestarsi al 3,6%, già dal 3,8% precedente. Quelle sull’inflazione sono state riviste al rialzo dall’1,9% al 2,1% sempre per il 2018.

Nel frattempo, un'altra notizia importante rimbalza dagli USA. Donald Trump ha detto in una intervista a Fox News: "stiamo preparando una stretta molto forte sulle importazioni della Cina. Vedrete nel giro di un paio di settimane...". Inevitabile che anche questo abbia scosso i mercati.
Poi il presidente USA è tornato alla carica contro l'Opec con un tweet: "Oil prices are too high, OPEC is at it again. Not good!"

Sul fronte valutario, l'EurUsd è scivolato fino a 1.1726 nelle fasi clou della riunione Fed, per poi tornare verso quota 1.1790 poche ore dopo.



Stesso andamento per il dollaro contro le altre valute. Il cross GbpUsd è scivolato fino a 1.3325 per poi risalire fino a 1.3379. La coppia UsdChf ha guadagnato oltre 50 pips subito dopo la decisione della banca centrale americana, per poi scendere. Il cross UsdJpy è schizzato a 110.81 per poi ricadere verso 110.30.

Vedi tutte le news




  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
9 U 3 p 7 p
Strategie

IN EVIDENZA
bonus-trading.jpg
Da agosto 2018 è scattato il divieto dei bonus con e senza deposito. Ma ci sono tanti altri benefit che un trader può sfruttare a proprio vantaggio
spread-fissi-variabili.jpg
Quali sono i broker spread più bassi? Ecco una guida per minimizzare l'unico vero costo a carico del trader
forex-trading.jpg
Si possono ottenere profitti con l'attività di trading. Vi spieghiamo le basi per riuscirci
euro-dollaro.jpg
Il livello di cambio di oggi tra euro e dollaro statunitense. Quali sono i fattori che influenzano questo rapporto?
opzioni-binarie-divieto.jpg
Evitate le fregature. L'AMF pubblica periodicamente una lista di broker senza autorizzazione dai quali stare alla larga
leva-finanziaria.jpg
Investire poco e guadagnare molto, grazie alla leva finanziaria è possibile. Ecco chi offre quella maggiore sul mercato
forex-1.jpg
Sempre più investitori operano nel Forex (Fx trading). Che cos'è? Ecco cosa dovete sapere per guadagnare davvero
analisi-tecnica.jpg
Che cosa è e come si deve condurre un'analisi tecnica? Scopriamo uno degli elementi necessari per un Forex trader
analisi-fondamentale.jpg
Come va fatta un'analisi fondamentale? Scopriamo perché è così importante per guadagnare facendo trading sulle valute
glossario.jpg
I termini più utilizzati nell'ambito finanziario, specialmente nel Foreign Exchange Market